Nuovi studi sulla Tavola Amalfitana

13418879_10153889412088579_8222778119335395692_n

Giovedi 16 giugno alle ore 18,00 presso la Sala “Guido Grimaldi” dell’Istituto Tecnico Nautico “Duca degli Abbruzzi” a Bagnoli si ritorna a parlare di storia del diritto marittimo attraverso la presentazione del libro dell’avvocato Alfonso Mignone “Nuovi studi sulla Tabula de Amalpha” (Editore Il Frangente). Per l’occasione sarà possibile una visita guidata al Museo del Mare sito nel plesso scolastico. La Tabula de Amalpha rappresentò senza alcun dubbio una pietra miliare nella storia del diritto marittimo e un’autorevole guida per la regolamentazione dei traffici nel bacino del Mediterraneo, per l’apposizione di clausole applicate ai contratti, nonché per la risoluzione delle controversie marittime nei secoli a venire. La sua importanza storica è da attribuirsi al contributo che essa diede alla formazione di una legislazione marittima uniforme in tutti gli Stati rivieraschi, sia cristiani che musulmani. Il testo, costituito da 66 capitoli, di cui 21 in latino e 45 in volgare italiano, non può considerarsi un codice nel senso letterale del termine, bensì una raccolta di usi risalenti alla Lex Rhodia e ai Basilici, contenuti nel Digesto di Giustiniano. Tali usi dettavano tutto ciò che riguardava e interessava la navigazione: le controversie, il prezzo dei noli, gli obblighi del capitano e dei marinai, l’indennizzo in caso di perdita della merce, i cambi marittimi, la compartecipazione agli utili, i compensi dei rischi di mare, le avarie, l’armamento, l’abbandono del bastimento e delle merci in caso di pericolo e formava parte integrante dell’ordinamento giuridico dell’antica Repubblica Marinara. Gli studi del Mignone conducono ad azzardare  l’ipotesi di una derivazione medioevale del diritto marittimo di Common Law in quanto non si stabiliscono principi generali o concetti astratti, ma si offrono risposte concrete alla casistica del tempo per soddisfare le immediate esigenze della societas maris, in cui commenda e colonna risultavano gli istituti cardine attraverso i quali veniva organizzata l’impresa di navigazione. Dunque, secondo l’Autore, anche il testo amalfitano presenta una più stretta attinenza con i moderni clausolari marittimi, sviluppati su iniziativa degli operatori del settore, piuttosto che con il Codice della Navigazione. Quello della Tabula, che influenzò anche la redazione di altri statuti marittimi medievali come quello pisano, genovese e catalano, divenne “diritto vivente”, applicato nei tribunali e nelle curie durante la successiva dominazione normanna e successivamente anche nel Regno di Napoli. Inoltre, il testo è menzionato dal giurista procidano Michele De Jorio nella stesura del Codice Marittimo commissionato da Ferdinando I di Borbone e che non andò mai in vigore.