Nord Sardegna, in diminuzione gli infortuni portuali

olbia

Un segno meno gradito per i tre porti del Nord Sardegna. È quello che riguarda il numero degli infortuni agli operatori ridotti, nel 2012, di oltre il 40% rispetto al 2011 e del 70% rispetto al 2005. Sono in tutto dodici gli incidenti registrati dall’Ufficio Lavoro Portuale della Port Authority, dieci dei quali occorsi ad Olbia (di cui uno accaduto durante il tragitto casa – lavoro o viceversa) e due a Porto Torres. Contusioni, distorsioni, stiramenti muscolari sono le casistiche principalmente riscontrate, effetti collaterali di un impiego, quello dell’operatore portuale, costantemente soggetto a particolari sforzi fisici e ad operazioni in un ambiente non scevro di rischi.  Ridotti a zero, in linea con l’ultimo biennio, gli infortuni che hanno riguardato parti delicate del corpo come la testa. Risultato, quest’ultimo, che segna una maggiore consapevolezza nell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, in particolare i caschetti rinforzati.