Nave Crotone acquisisce la certificazione MAREVAL

d5ce757e-9502-4ef6-a35e-4b56c0bcc9c204

Nave Crotone, unità delle Forze di Contromisure Mine appartenente alla 54° Squadriglia Cacciamine, ha appena concluso un intenso periodo di addestramento – finalizzato all’impiego in operazioni NATO – nelle acque antistanti il Golfo di La Spezia. L’unità ha svolto esercitazioni mirate alla verifica e successiva certificazione delle capacità operative, di manovra e di difesa passiva (contrasto a incendio, falla ed avarie complesse agli apparati di bordo). L’obiettivo è l’impiego in operazioni NATO nell’ambito dello SNMCMG 2(Standing Nato Mine Countermesure Group 2, Forza di contromisure mine permanente della NATO).  L’attività, articolata in una fase di addestramento e una fase di valutazione, ha visto i 46 uomini di equipaggio impegnati in uno scenario simulato in presenza di minaccia di superficie, di mine e terroristica in un tipico profilo di impiego operativo. Tutte le fasi sono state seguite e certificate dal personale dell’ Ufficio Controllo Efficienza Bellica, uno staff di specialisti fiore all’occhiello del Comando delle Forze di Contromisure Mine, autorizzato a rilasciare la certificazione MAREVAL (Maritime Evaluation) necessaria all’impiego in operazioni in ambito NATO.  Le Unità classe MHC (Mine Hunter Coastal) del Comando delle Forze di Contromisure Mine, progettate ed impiegate per la ricerca e bonifica dei campi minati, forniscono il loro prezioso contributo in Italia ed all’Estero supportando la ricerca ed il monitoraggio dei relitti in mare e sostenendo il Ministero dei beni culturali attraverso l’impiego dei propri sofisticati sensori subacquei per l’esplorazione ed il recupero del patrimonio archeologico nazionale.  Elemento di alta tecnologia dello Strumento Aeronavale, le Unità delle Forze di Contromisure Mine conducono operazioni preziose ed utili per il Paese di cui rappresentano un investimento a sostegno e tutela degli interessi dell’Italia sul mare.