Napoli, Guardia Costiera sequestro impianto miticoltura

Diapositiva12

Personale del nucleo sub della guardia costiera di Napoli, unitamente a tre motovedette dipendenti, ha effettuato un maxi sequestro di un impianto di mitilicoltura nelle acque adiacenti il porto di Napoli. Il prodotto sequestrato, pari a trentadue tonnellate di cozze, era pronto all’immissione sul mercato seppur privo di qualsiasi requisito igienico- sanitario. “L’enorme quantitativo sequestrato, l’immediata prossimità delle festività pasquali (che vedono un incremento del consumo di tali prodotti ittici) e l’assoluta indifferenza di persone che operano senza alcuno scrupolo in concomitanza di specifiche allerte sanitarie in tale settore, avrebbero potuto, se non si fosse operato per tempo, creare i presupposti per un rischio di assoluto rilievo per la collettività,” spiega una nota della Capitaneria.