Napoli diventa primo “porto verde” del Sud: firmato protocollo tra Enel, Autorità portuale e Caremar

a-napoli-primo-porto-verde-del-sud-firmato-protocollo-tra-enel-autorita-portuale-e-caremar

Grazie all’accordo, le navi Caremar ormeggiate in porto spegneranno i motori e si allacceranno al nuovo sistema di alimentazione elettrica
Sarà Napoli il primo “porto verde” del Sud. E’ stato siglato all’interno dell’area portuale, un Protocollo d’intesa che avvia la collaborazione tra l’Autorità di Sistema del Mar Tirreno Centrale (Adsp), Enel e Caremar per la realizzazione di un’infrastruttura per l’alimentazione elettrica delle navi. I tre soggetti avviano così un rapporto che consente alle imbarcazioni Caremar in arrivo nel porto di Napoli di utilizzare l’energia elettrica e spegnere i generatori di bordo minimizzando l’inquinamento dell’aria e acustico.
L’impianto sorgerà nell’area della banchina di Calata Porta Massa nel porto di Napoli e riguarderà i collegamenti garantiti da Caremar. Grazie a questo accordo sarà ridotto l’impatto ambientale legato al traffico marittimo portuale e si darà vita al primo porto “sostenibile” del Mezzogiorno.
Il protocollo, immediatamente operativo, avrà la durata di tre anni. Caremar realizzerà l’infrastruttura necessaria e ne richiederà la connessione al distributore locale, Adsp riconoscerà a Caremar un ecobonus sui diritti di ancoraggio e di security mentre Caremar verserà ad Adsp un canone annuo per l’occupazione della porzione di area portuale e provvederà a ogni attività di manutenzione degli impianti e delle infrastrutture necessarie all’alimentazione delle proprie navi.
Enel predisporrà un’offerta per la fornitura di energia elettrica in grado di soddisfare le necessità di acquisto di Caremar ed entro il 2019 installerà infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici all’interno del porto di Napoli facendosi carico della loro manutenzione.
“L’elettrificazione – ha dichiarato Pietro Spirito, Presidente dell’Autorità di Sistema del Mar Tirreno Centrale – costituisce parte di una complessiva strategia di miglioramento dell’impatto ambientale nei porti che deve considerare anche la realizzazione di depositi di GNL, il passaggio al led per l’illuminazione pubblica, la produzione di energie alternative. Su questo impianto complessivo siamo impegnati come Autorità del Mar Tirreno Centrale”.
“L’impegno di Enel a favore dell’ambiente e del territorio è costante e l’accordo siglato oggi – ha dichiarato Carlo Tamburi, Direttore Italia di Enel – va in questa direzione. Consentendo alle navi di spegnere i motori per tutta la durata della loro permanenza in porto, si abbattono le emissioni in atmosfera, migliorando la qualità dell’aria in città, e si riduce l’inquinamento acustico. Auspico che l’esempio virtuoso di Caremar possa essere seguito a breve da altri operatori e da altre Autorità portuali. Grazie al contributo di Enel, saranno anche installate infrastrutture di ricarica elettrica che consentiranno ai veicoli in transito da e verso il porto di annullare le emissioni e creare un sistema integrato di mobilità cittadina senza impatto ambientale”.
“Caremar, grazie all’impegno profuso dal Comandante Vincenzo Ponti, è parte attiva e ideatrice di questo progetto – ha dichiarato Francesco Ceci, Amministratore Delegato di Caremar – Abbiamo infatti l’obbiettivo di incidere in modo significativo sull’impatto ambientale generato dall’attività delle nostre navi e intendiamo compiere un salto qualitativo nell’abbattimento delle fonti inquinanti dal punto di vista atmosferico e acustico. L’accordo con la AdSP ed Enel muove in questa direzione per la parte di attività che riguarda la sosta in porto delle imbarcazioni e quindi il contatto più diretto con le aree urbane attraverso l’opzione elettrica in alternativa a quella diesel. Non ci vogliamo fermare qui. Caremar ha in programma anche la riduzione dell’inquinamento durante la navigazione. Questo risultato sarà realizzato attraverso l’adozione di nuove tecnologie sia per quanto riguarda gli apparati di propulsione che per quanto riguarda l’uso di prodotti siliconici per lo scafo. In entrambi i casi si conta di ottenere un significativo risultato abbassando i consumi di carburante per quanto riguarda la propulsione e riducendo al minimo la dispersione di residui grazie all’uso di prodotti biocompatibili”.
L’alimentazione elettrica dei traghetti Caremar per i collegamenti con le isole del Golfo sarà operativa già entro il prossimo anno.