Moby Spl, al via le crociere sul Mar Baltico

baltico

Una crociera settimanale che a partire dal  di San Pietroburgo porterà i turisti nel Mar Baltico tra la Finlandia, la Svezia e l’Estonia. Parte ufficialmente la stagione crocieristica per la partnership tra Moby e St. Peter Line ispirata alla promozione del “made in Italy”. La Princess Anastasia, infatti, sarà dotata di duty free con i più importanti brand nazionali: i maggiori marchi presenti sul mercato di profumeria, cosmetica e make up, gioielli e orologeria, abbigliamento di ogni tipologia e tanti giochi per i più piccoli. All’interno della nave, che può ospitare fino a 2.500 passeggeri, ci sono 834 confortevoli cabine e un garage che può contenere fino a 580 macchine. I clienti, che non avranno la necessità di acquistare il visto per l’ingresso a San Pietroburgo, potranno quindi viaggiare con la propria auto al seguito ed eventualmente decidere di organizzare per conto loro e in piena libertà le visite nelle varie località toccate dalla crociera. Un altro punto forte sarà il settore della ristorazione: gli chef prepareranno i piatti secondo la più antica tradizione italica, unica al mondo, fatta di pasta, olio, aceto, sughi, formaggi, affettati e tanto altro, tutto rigorosamente nostrano; inoltre, a disposizione dei passeggeri anche vini e liquori tipici della penisola. Il compito di studiare i menu di bordo è stato affidato a Oreste Romagnolo, chef e patron di Orestorante sull’isola di Ponza, tra i primi 10 migliori ristoranti di pesce in Italia. Una cucina moderna, ma dove allo stesso tempo si abbracceranno le migliori tradizioni italiane. Ma una delle novità più importanti riguarda il design della nave. Per i decori delle fiancate, Armando Testa ha lavorato con Riccardo Guasco, illustratore e pittore di fama internazionale, con cui ha elaborato il concept creativo. “L’idea era quella di creare un collegamento tra due Paesi: Italia e Russia, dedicando rispettivamente una fiancata per ogni nazione raccontandola attraverso l’architettura e il paesaggio che la contraddistingue – dichiara Guasco –. Unico soggetto comune ai due lati, una sirena, comodamente adagiata lungo la parte posteriore della nave mentre osserva attraverso una lunga fascia curvilinea, il paesaggio fatto di alcuni dei principali monumenti italiani da un lato, e russi dall’altro”.