Mentre infuria la polemica sulle “grandi navi” Port of Venice alla Venezia Terminal Passeggeri

ter-venezia

Focus su tariffe e qualità dei servizi tecnico nautici come elemento di competitività

Venezia, 1 ottobre 2018 – Efficienza nei servizi tecnico-nautici e un  più forte approccio imprenditoriale : su questi due postulati il porto di Venezia lancia la sua  sfida ben consapevole che un porto aperto agli imprenditori è oggi la più importante rotta per attirare nuovi investimenti infrastrutturali, nuove compagnie di navigazione e nuovi traffici . “ “Servizi tecnico-nautici : tariffe e qualità dei servizi come elemento di competitività” è il tema del convegno organizzato dall’International Propeller Club Port of Venice col patrocinio dell’Autorità di Sistema Portuale dell’Adriatico Settentrionale che si terrà il 9 ottobre 2018 presso Venezia Terminal Passeggeri con inizio alle ore 16.30.

Dopo il saluto introduttivo del presidente del “Port of Venice” Massimo Bernardo il direttore del Corriere Marittimo Lucia Nappi modererà il meeting che sarà aperto dalla relazione dell’avv.marittimista Anna Carnielli cui seguiranno le relazioni del presidente dell’ApdS Pino Musolino , del Contrammiraglio Piero Pellizzari comandante della Direzione Marittima del Veneto, della Capitaneria di Porto di Venezia e della Guardia Costiera, del Comandante Fiorenzo Milani v.presidente dell’associazione Piloti Marittimi Europei (EMPA) . del dr. Vincenzo Marinese presidente Confindustria Venezia-Rovigo e Delta lagunare, del dr.Alessandro Panaro responsabile ufficio Maritime and Mediterranean Economy, dell’ing. Alessandro Santi v.presidente Federagenti e presidente Associazione Agenti Marittimi del Veneto e del dr. Andrea Scarpa presidente Assosped Veneto.

A seguire gli interventi dei responsabili dei vari settori dei servizi tecnico-nautici che operano nei porti di Venezia e Chioggia.

“ In questo particolare momento di turbolenza della portualità lagunare penalizzata dalla vexata question delle grandi navi – anticipa il presidente del Club Massimo Bernardo – per lo sviluppo del porto e quindi della sua sopravvivenza  c’è la necessità di chiarimenti e di  mettere mano  anche su altri importanti temi com’è, per esempio, quello dei servizi tecnico-nautici come fattore di competitività per il porto. Tanti sono gli aspetti dio questo tema: da quello tariffario alla qualità del servizio, alla flessibilità operativa, agli investimenti ecc.ecc.”

Immediatamente prima l’assemblea elettiva  del Port of Venice provvederà al rinnovo del Consiglio direttivo.