Marina d’Arechi, accordo con Camper & Nicholson Marinas

mda804_phRastrelli-1

Marina d’Arechi sbarca a Londra. E lo fa a poche settimane dal completamento delle opere a mare che segna la nascita del piú grande porto turistico del Sud Italia. Il nuovo porto è stato presentato in anteprima al London Boat Show che è in corso di svolgimento nei Docklands di Londra. E la presentazione è coincisa con l’ufficializzazione di un accordo di collaborazione commerciale con Camper & Nicholsons Marinas (CNM) che fornirà al management di Marina d’Arechi (che entra cosí a far parte del 1782 Club di CNM) un supporto diretto nelle attività di marketing internazionale. Camper & Nicholsons è – come noto – gruppo leader nella grande nautica e in particolare nel mercato dei maxi yacht con una presenza qualificata nel mercato della compravendita, del noleggio, della gestione della piú consistente flotta mondiale di grandi imbarcazioni da diporto, ma anche in parallelo, nel marketing internazionale delle strutture recettive per queste barche, assurgendo a vero e proprio marchio di qualità per i porti turistici. E non è un caso che a tenere a battesimo il porto ideato, progettato, realizzato e gestito dal gruppo Gallozzi di Salerno, sia la capitale del Regno Unito. Proprio il gruppo Gallozzi vanta vere e proprie radici in Gran Bretagna: il suo fondatore . Giuseppe Joe Gallozzi (scomparso nel 1991) ,  padre di Agostino Gallozzi, oggi chairman del gruppo e presidente anche di Marina d’Arechi, era stato insignito nel 1984 del titolo di Baronetto della Corona britannica per il contributo eccezionale dato allo sviluppo dei traffici marittimi e del commercio fra Italia e Gran Bretagna. Per il gruppo Gallozzi, che ha tenuto vive le sue relazioni con Londra e l’Inghilterra, si tratta quindi di un vero e proprio ritorno a casa oltre che di una importante missione di marketing in un mercato, quello inglese, che guarda con crescente interesse alle infrastrutture nautiche di valore in Mediterraneo.