Marco Bentivogli a 24Mattino su Radio 24: “Magneti Marelli? Sono più preoccupato dai rumors sulla famiglia Elkann”

bentivogli_palco

“Sono preoccupato dai continui rumors sul possibile futuro disimpegno dall’auto della famiglia Elkann”. Lo ha detto il Segretario dei metalmeccanici Fim-Cisl, Marco Bentivogli, a 24Mattino su Radio 24 di Maria Latella e Oscar Giannino, rispondendo ad una domanda sulla cessione di Magneti Marelli. Secondo Bentivogli, Fca è pronta per “un’alleanza strategica internazionale”.

Salario minimo – Marco Bentivogli (Fim Cisl) a 24Mattino su Radio 24: “Salario minimo non salvifico, un senso solo per lavoro dipendente mascherato da autonomo.”

“Non è salvifico immaginare il salario minimo legale, in Italia esso avrebbe un senso per il lavoro autonomo, che maschera lavoro dipendente.” Lo afferma il segretario generale della Fim Cisl Marco Bentivogli a 24Mattino di Maria Latella e Oscar Giannino su Radio 24. “Noi abbiamo la necessità, come sindacato – ha aggiunto il leader dei metalmeccanici della Cisl – non solo di scoraggiare i contratti pirata, ma anche di semplificare i contratti nazionali di categoria.”

Sindacato  – Marco Bentivogli  (Fim – Cisl) a 24Mattino su Radio 24: “Sindacato unico proposto da Landini? Se per bloccare tutto con veti abbiamo già dato”

“Se dobbiamo semplificare il quadro per paralizzare l’attività sindacale nel gioco dei veti, abbiamo già dato”. Così Marco Bentivogli, segretario metalmeccanici Fim-Cisl, a 24 mattino su Radio 24 di Maria Latella e Oscar Giannino, parlando della proposta del superamento di Cgil, Cisl e Uil per una sigla unica proposta da Maurizio Landini. “Se iniziamo a fare qualcosa di serio guardando al futuro, quindi un sindacato riformista e unico, io l’ho già proposto quattro anni fa e Landini non rispose – ha aggiunto il leader dei metalmeccanici della Cisl a Radio 24 – vorrei che Landini, oltre ai proclami sui giornali, fosse un po’ più coerente. Non capisco perché non abbia firmato l’accordo con Fiat con noi tre mesi fa. Sarebbe utile fare un po’ meno spot e discutere di più come si faceva una volta.”