Luigi De Falco acquista logistica in Costa d’Avorio

luigi_de_falco_foto

Un altro tassello per il Gruppo H2biz nella realizzazione del corridoio commerciale tra Europa, Africa, Golfo Persico e USA previsto dal progetto “Cielo-Mare-Terra”. La società “LdF Trading”, che fa capo all’imprenditore napoletano Luigi De Falco, ha rilevato due società logistiche in Costa d’Avorio. Attive nel traffico cargo tra l’Africa Occidentale e l’America Latina le aziende, con una disponibilità magazzino complessiva di circa 600 metri quadri all’interno del porto di Abijan,  movimentano principalmente materie prime non ferrose e cacao, di cui la Costa d’Avorio è il principale produttore al mondo. Un canale di collegamento solido con i porti del versante orientale del Sud America rafforzato ulteriormente negli ultimi tempi dall’export di prodotti semilavorati per l’industria che prendono poi la strada degli Stati Uniti. Un’economia di scala, analizzata rispetto alle esigenze dei suoi 327 mila associati, che H2biz intende sfruttare in futuro per la spedizione di prodotti ad alto valore aggiunto. L’investimento si aggiunge agli altri già effettuati in passato dal De Falco in Nord Africa con l’obiettivo di creare un sistema multicanale HUB-to-HUB che dovrebbe consentire di movimentare beni e servizi via web, via mare, via terra e via cargo aereo. Fondamentale in questo panorama l’intesa Euro-Med siglata con le associazioni imprenditoriali marocchine che prevede per le società facenti parte del network la disponibilità di un’area logistica di 15.000 mq. nel porto di Tangeri (“Tanger Med”) e il supporto finanziario di due banche locali che finanzieranno a tassi agevolati le operazioni di import/export tra l’Italia e il Nord Africa. La logistica del Gruppo H2biz è attiva anche  a Budva, Napoli , Cipro, Parigi e New York, sia direttamente che in joint-venture con alcuni operatori locali.  Con l’operazione in Costa d’Avorio si completa il collegamento tra l’Africa e l’America Latina.