L’inchiesta australiana del senatore trova la bandiera di trasporto una convenienza mettendo a rischio la sicurezza nazionale

visto-rifiutato-3

La Federazione Internazionale dei Lavoratori dei Trasporti (ITF) afferma che il governo Turnbull non può più ignorare le proprie responsabilità in materia di sicurezza nazionale, in seguito alla sconfitta delle scoperte oggi dall’inchiesta del Senato in bandiera di convenienza (FOC) Shipping. Il Rapporto del Comitato per i riferimenti per gli affari rurali e regionali e ai trasporti riferisce che i cronometri aprono buche nel quadro della sicurezza nazionale australiana il giorno dopo un annuncio di governo per creare un nuovo ministero degli affari interni. La spedizione FOC si riferisce a navi commerciali internazionali registrate in paradisi fiscali come la Liberia, Panama e le isole Marshall. Questi registri sono rinomati per le loro leggi di manodopera, i controlli di investimento scarso e la mancanza di supervisione delle proprietà. La dichiarazione della Border Force australiana afferma: Il Dipartimento rileva che mentre una parte significativa del traffico marittimo legittimo è condotto da navi con registrazione FOC, ci sono caratteristiche della registrazione FOC, regolamento e pratica che i sindacati criminali organizzati oi gruppi terroristici possono cercare di sfruttare. Queste caratteristiche sono: La mancanza di trasparenza dell’identità degli armatori e il conseguente impedimento di detenere il proprietario per conto delle azioni della nave; e Insufficiente applicazione della normativa di bandiera e adesione agli standard.  Il rapporto del Senato afferma: “Il comitato sostiene che le navi [FOC] presentano gravi rischi per la sicurezza alla costa australiana, che devono essere correttamente affrontati. “Il Comitato ritiene che, non accettando di rivedere lo stato attuale del settore marittimo in Australia, il governo non riesce ad affrontare le gravi perturbazioni in materia di sicurezza, economia, diritti umani e ambientali del settore”. Il comitato ha invitato il governo federale a sviluppare l’industria marittima australiana di fronte a ciò che definisce “rischi molto reali e attuali per la nostra nazione” poste dalle navi FOC e dal loro equipaggio. Il presidente della ITF, Paddy Crumlin, ha attaccato il governo australiano conservatore per incoraggiare intenzionalmente l’ambiguità moralmente ambiguità – a volte criminale – della spedizione FOC. “Il governo di Turnbull ha permesso ai marinai australiani di essere sostituiti da un’azione di legge contro l’FOC che ora minaccia la nostra sicurezza nazionale.  ”In base ai loro abusi legislativi, i navigatori australiani, i datori di lavoro adeguatamente formati, controllati dalla sicurezza e residenti, sono stati licenziati e il loro lavoro in un settore di trasporto domestico è stato assegnato a chiunque viene all’orizzonte senza una richiesta di indagine sui loro contesti. “La soluzione è semplice – smettila di distruggere e di iniziare a sostenere e crescere il nostro settore di spedizione nazionale e gli uomini e le donne australiani che lavorano lì e nel farlo aiuteremo a mantenere le nostre frontiere sicure”, ha detto Crumlin. Il coordinatore nazionale ITF Dean Summers ha dichiarato che l’inchiesta ha ufficialmente messo a nudo il mondo oscuro della spedizione FOC che il governo Turnbull ha finora scelto di ignorare. “L’inchiesta del Senato ha ascoltato più denunce del peggior di quello che la spedizione FOC ha da offrire: omicidi, armi da fuoco, intimidazioni, bullismo, molestie e lavoro di schiavi”, ha detto Summers.  ”Il caso spaventoso di omicidi multipli in mare a bordo del Saggario Saggio era la base di questa inchiesta e serve come uno scioccante promemoria di ciò che può succedere quando un’intera industria è poco più di una corsa verso il basso. L’ITF ha applaudito la richiesta della commissione per una revisione completa di tutto il governo sui potenziali rischi economici, di sicurezza e ambientali presentati dalla spedizione FOC. Il comitato ha affermato di essere molto preoccupato dalle navi FOC che trasportano merci pericolose in Australia, compresi i nitrati di ammonio e prodotti petroliferi. L’ultimo esercizio finanziario, solo 1.072 delle 15.715 navi commerciali che arrivano in Australia sono state ricercate da ABF.  ”La commissione è molto disturbata dai numerosi esempi di perdite di posti di lavoro, condizioni di lavoro scarse, paghe inadeguate e morti e sparizioni in mare”, ha dichiarato.  ”Per evitare che i marinai scompaiono e che muoiono dentro e intorno alle acque australiane e mentre transitino nei porti australiani è inaccettabile”.

Raccomandazioni del Comitato:

Il Mediatore del lavoro equo (FWO) implementa un programma di ispezione per le navi con marittimi stranieri per verificare che i salari pagati soddisfino i requisiti legali australiani.

Il governo federale finanzia il programma di ispezione dei salari FWO.

Il governo federale attua procedure chiare su come rispondere alle morti che si verificano sulle navi che viaggiano in acque australiane o nelle acque australiane.

Il governo federale considera gli emendamenti legislativi per chiarire la responsabilità giurisdizionale per indagare la morte sulle navi che viaggiano in acque australiane.

La riattivazione di un organismo consultivo costituito da principali stakeholder dell’industria marittima per consigliare il governo sulle nuove politiche australiane di trasporto e sulle opportunità di sviluppo e formazione delle forze di lavoro.

Il governo federale rivede l’industria marittima australiana al fine di crescere e sostenerlo.

Il governo federale riesamina i potenziali rischi economici, di sicurezza e ambientali presentati dalle navi FOC e dall’equipaggio straniero.

La Relazione può essere trovata all’indirizzo:

http://www.aph.gov.au/Parliamentary_Business/Committees/Senate/Rural_and_Regional_Affairs_and_Transport/FOCShipping45/

Report Contatto: Dean Summers 0419 934 648 o Darrin Barnett 0428 119 703