L’estate calda della Capitaneria di porto

GUARDIA COSTIERA

Primi risultati per l’attività di monitoraggio e controllo della Guardia Costiera a favore di bagnanti e diportisti. Nell’ultimo mese gli uomini della Guardia Costiera di Napoli hanno effettuato oltre 400 controlli relativi ai settori del diporto, del demanio marittimo, della pesca e della tutela ambientale con 13 deferimenti all’autorità giudiziaria e 14 verbali amministrativi. Elevato il numero di attività di soccorso: 150 i diportisti tratti in salvo a seguito di avarie ai mezzi. “Buonsenso”, l’invito che arriva dagli uffici di Piazzale Pisacane. “Le attività sportive e ludico creative – spiega la Capitaneria – devono essere svolte nel pieno rispetto della vigente normativa che disciplina, in osservanza del comune buon senso e tenendo conto che il mare è un elemento naturale che deve essere rispettato e mai affrontato con superficialità”. Un consiglio, in particolare. “Tutte le attività che presuppongono uno sforzo fisico, specie quelle subacquee, devono essere svolte nella consapevolezza delle proprie capacità, del proprio stato di salute e della completezza del proprio equipaggiamento ai fini della sicurezza”. Occhio, infine, ai tuffi. “Laddove non vietata da specifiche disposizioni – concludono gli uomini della Guardia Costiera – deve essere consentita dalla precisa conoscenza dei fondali idonei”.