L’ECSA e l’ETF chiedono un’azione coordinata dell’UE in merito al cambio dell’equipaggio

trasporto-marittimo-nave

In una lettera indirizzata ai Commissari europei, firmata congiuntamente dall’ECSA e dalla Federazione europea dei lavoratori dei trasporti (ETF), le due parti sociali marittime chiedono l’adozione di misure speciali con la massima urgenza. Tali azioni contribuiranno a garantire che l’industria dei trasporti marittimi e i lavoratori del trasporto marittimo possano svolgere il loro ruolo nel sostenere l’economia dell’UE nella massima misura possibile e che gli impatti sociali, operativi ed economici della crisi siano ridotti il ​​più possibile.

La lettera è stata inviata al commissario europeo per i trasporti, Adina Vălean, al commissario europeo per la gestione delle crisi, Janez Lenarčič, al commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, al commissario europeo per la giustizia, Didier Reynders e l’alto rappresentante di l’UE, Josep Borrell Fontelles.

“Accogliamo con grande favore la comunicazione della Commissione dell’8 aprile 2020″ Linee guida sulla protezione della salute, il rimpatrio e le disposizioni di viaggio per i marittimi, i passeggeri e le altre persone a bordo delle navi “ ”, hanno scritto le due organizzazioni nella loro lettera. ”Siamo molto lieti di notare che questa necessità di un’ampia definizione di lavoratori marittimi è stata riconosciuta e inclusa negli orientamenti”.

Entrambi i partner concordano sul fatto che gli orientamenti risolveranno problemi specifici derivanti da misure imposte unilateralmente da diversi Stati membri e impediranno lo sviluppo di nuove strozzature. Queste misure che non sono in linea con le nuove linee guida ostacolano gravemente la circolazione dei lavoratori del trasporto marittimo, compresi i marittimi, in modo da unirsi alle loro navi, esercitare il loro diritto a partire dalle coste e essere rimpatriati al termine dei loro giri di servizio, mentre i loro colleghi sono costretti ad aspettare a casa, incapaci di prendere posto a bordo.

Pertanto, sia l’ECSA che l’ETF chiedono aiuto ai Commissari per presentare una proposta concreta al Consiglio per un accordo politico relativo ai porti designati per lo sbarco e il cambio dell’equipaggio, in linea con le condizioni stabilite (tra l’altro diffusione geografica, capacità, vicinanza a strutture sanitarie e aeroporti internazionali).

Entrambe le parti sociali marittime hanno inoltre messo in evidenza ai Commissari il pressante rimpatrio dei marittimi europei che sono attualmente bloccati in paesi terzi o su navi che non sono state in grado di ottenere il permesso di attraccare. A tal fine, l’assistenza del Servizio europeo per l’azione esterna contribuirebbe sicuramente a garantire che i casi possano essere trattati collettivamente laddove possibile.

Nonostante le molte sfide poste dall’attuale crisi, i lavoratori marittimi dell’intera industria marittima europea stanno lavorando per garantire la fornitura continua di beni e attrezzature e i servizi di trasporto necessari a milioni di cittadini attualmente colpiti dalla pandemia di COVID-19.