La Spezia, il porto si riprende i binari

la spezia 1

Accordo tra Ap e RFI

Si chiude il lungo contenzioso tra porto di La Spezia e RFI per la gestione dei binari interni allo scalo. Le parti hanno siglato a Roma un accordo che prevede la definizione dei canoni arretrati e l’acquisizione da parte dell’autorità portuale, in due fasi, della proprietà delle Stazioni Marittime e dei binari, nonché un’area che consentirà di realizzare una strada di collegamento tra i piazzali portuali del Levante (Terminal Ravano ) e il varco Stagnoni, destinato a divenire l’unico varco portuale per le merci in transito. “Si tratta di un primo e significativo passo in avanti perché i quartieri del Levante ottengano un concreto beneficio in termini di viabilità e miglioramento delle condizioni ambientali. Del resto, l’interesse dell’AP è sempre stato quello di incrementare la quota di trasporto merci a mezzo ferrovia nel rispetto delle previsioni del PRP”, spiega il Presidente dell’Ap, LorenzoF. “Non solo, attraverso questo accordo, RFI provvederà a realizzare il progetto preliminare del nuovo fascio di binari, che verrà costruito in posizione più arretrata rispetto a viale San Bartolomeo e più vicina al mare. Ciò consentirà, tra l’altro, la realizzazione di una fascia di rispetto più ampia. Inoltre, quando saranno ultimati i lavori dello scolmatore a mare dell’Enel, per i quali è già in corso la relativa gara, anche tutti i camion da e per il Terminal del Golfo (Tarros) transiteranno all’interno del porto e non più da Viale San Bartolomeo”