La Guardia Costiera con la collaborazione dell’Area Marina Protetta di “Punta Campanella”, diventa “Plastic Free”. Il

screenshot_20191206_164354

Castellammare di Stabia, 16 dicembre 2019 – Il Comando della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia, insieme ai suoi sei Uffici marittimi dipendenti ( Torre Annunziata, Vico Equense, Meta, Piano di Sorrento, Sorrento e Massa Lubrense), in collaborazione e con il supporto dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella, diventano PlasticFree, eliminando l’uso di plastiche monouso. Nello specifico, l’Area Marina Protetta ha provveduto a fornire a tutto il personale militare, con una simbolica cerimonia, una borraccia individuale in acciaio inox per consumare l’acqua e bandire, così, le bottiglie di plastiche negli Uffici marittimi del Compartimento Marittimo stabiese. Un gesto concreto e un esempio virtuoso, per rafforzare ancora di più la politica promossa dal Comando Generale delle Capitanerie di porto e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nell’ambito della campagna nazionale #PlasicFreeGC.

Significativo il patrocinio morale che l’iniziativa ha registrato da parte del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, della Regione Campania e del WWF Italia a testimonianza dell’impegno condiviso in una battaglia comune.

Non solo borracce per ogni militare: prossimamente si cercherà negli Uffici e nelle mense dei Comandi della Guardia Costiera di Castellammare di Stabia di limitare e bandire l’uso di prodotti plastici, a fronte del ritorno al pieno utilizzo dei materiali tradizionali. “L’iniziativa, promossa nel segno del particolare legame che unisce Guardia Costiera stabiese ed il Parco Marino di Punta Campanella, costituisce un investimento sul nostro futuro. Ringrazio il Direttore Antonino Miccio ed il Presidente Michele Giustiniani che hanno supportato l’iniziativa. Rivolgersi ai più giovani, dando loro esempi concreti, lascia sperare di poter ancora invertire la rotta a tutela del nostro Ambiente. Questo messaggio viene lanciato oggi, con forza e non a caso, assieme all’Area Marina Protetta di Punta Campanella, al WWF ed a Legambiente con cui la Guardia Costiera condivide animo ambientale e impegno quotidiano” sono state le parole del Capitano di Fregata Ivan SAVARESE, Comandante della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia -.

Anche questo progetto è stato inserito all’interno della campagna nazionale di sensibilizzazione #IoSonoMare promossa dall’ex sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Salvatore Micillo, con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e ISPRA-SNPA, per accendere i riflettori sui temi del mare e su quanto lo Stato fa per tutelarlo, divulgando i risultati del monitoraggio marino che il Ministero dell’Ambiente svolge costantemente da anni in attuazione della Direttiva europea ‘Strategia Marina’.