International Chamber of Shipping : angoscia per i crescenti attacchi agli equipaggi delle navi

2-niger-pirati

Il numero di membri dell’equipaggio della nave rapiti nel Golfo di Guinea è aumentato di oltre il 50% nel 2019 e quest’anno è iniziato con un’ulteriore escalation di violenza, rapina a mano armata e rapimento. La crisi si sta approfondendo: i pirati sono più audaci e prendono un numero maggiore di ostaggi. I livelli di violenza sono elevati e si sono verificati decessi sia durante gli attacchi che durante la prigionia dei marittimi e del personale militare. Questo non è un affare come al solito. Ad esempio, 20 membri dell’equipaggio sono stati rapiti da MT Duke il 15 dicembre dell’anno scorso con uno di quei membri dell’equipaggio che moriva in cattività – questo non è accettabile.

Oltre il 90% dei rapimenti globali segnalati in mare ha avuto luogo nel Golfo di Guinea. Resta un fatto spiacevole il fatto che la stragrande maggioranza degli attacchi sia lanciata sulla navigazione interna dalle acque territoriali nigeriane. Riconosciamo che la Nigeria sta migliorando le sue capacità di sicurezza marittima attraverso programmi come Deep Blue Project e ICS applaude e incoraggia queste misure. Tuttavia, ora è il momento di vedere risultati concreti in termini di azione in mare e di cattura e persecuzione dei pirati. La comunità internazionale deve rispondere a questa minaccia alla vita e al benessere dei marittimi sostenendo la Nigeria nel fornire una rapida soluzione a questa situazione intollerabile. Dovrebbe essere fornita assistenza pratica ed efficace agli Stati costieri per migliorare la loro sicurezza marittima in modo significativo e le risorse navali nella regione devono essere preparate a rispondere agli incidenti di pirateria.

Parlando dopo la riunione del Consiglio di amministrazione di ICS tenutasi a Londra, Esben Poulsson, presidente della Camera internazionale di navigazione, ha dichiarato: “La nostra priorità assoluta sarà sempre la sicurezza e il benessere dell’equipaggio. Siamo pronti e disposti a lavorare in stretta collaborazione con il governo della Nigeria e la comunità internazionale per proteggere le navi e i loro equipaggi mentre svolgono i loro affari legittimi. “I marittimi hanno il diritto di operare liberi dalla paura del rapimento o della cattura. Ma il miglioramento della sicurezza nel Golfo di Guinea aumenterà anche l’industria nigeriana. C’è un’opportunità per perseguire una cooperazione win-win. “Accogliamo con favore gli sforzi della Marina nigeriana per rispondere agli episodi di pirateria segnalati inviando navi di pattuglia. Tuttavia, il picco degli incidenti indica nel 2019 e quest’anno ha dimostrato quanto siamo lontani dal risolvere questo problema endemico.