Intermodality Worldwide: il futuro dell’intermodalità in scena a Napoli

Naples Shipping Week – Stazione Marittima – 30 settembre 2022

Container intelligenti, sicurezza e futuro dell’intermodalità saranno protagonisti a Intermodality Worldwide, il seminario che, per la prima volta in Italia, BIC – Bureau International des Containers organizza insieme al Centro Internazionale Studi Containers C.I.S.C.o  nell’ambito della Naples Shipping Week, la settimana internazionale dedicata all’economia e alla cultura del mare. Venerdì 30 settembre 2022, a partire dalle 9, nella Sala Perseide della Stazione Marittima di Napoli, relatori di caratura internazionale si confronteranno sul tema dell’intermodalità, approfondendo i temi del tracciamento della merce e dei contenitori del futuro e della sicurezza, per terminare con un intervento sulle nuove sfide e sulle nuove frontiere, in particolare quelle che si stanno aprendo in Africa.  La partecipazione al convegno, in lingua inglese con traduzione simultanea in italiano, è su invito.

Sono trascorsi 90 anni da quando il BIC propose all’industria il trasporto intermodale di merci in container via camion, ferrovia e nave. Negli anni ’50 questa proposta divenne realtà quando Malcolm Mc Lean, famoso pioniere, spedì i primi container via mare e via terra. Oggi la tecnologia ci ha traghettato in un’era diversa, in cui i container interagiscono e sono diventati smart. Il significato di tutto ciò sarà esplorato nel primo panel moderato da Douglas Owen, Segretario Generale del BIC, che vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Marianna Levtov, coordinatrice di Nexxiot and ISO, società fornitrice di dispositivi IoT di tracciamento per container secchi. Un passo importante nella digitalizzazione del trasporto marittimo di container, che presto coinvolgerà migliaia di depositi nel mondo, e che permetterà alle aziende di offrire servizi commerciali più trasparenti e performanti. Grazie a un monitoraggio puntuale sulle tempistiche di ogni processo della catena di fornitura, saranno infatti in grado di fornire un quadro completo, migliorando la gestione della catena stessa.

Seguirà una sessione dedicata ai temi della sicurezza e dell’attenzione all’ambiente nell’ambito del trasporto di container, argomenti di grande interesse per  C.I.S.C.o  impegnato nell’attività di diffusione del CTU Code, la guida di riferimento per tutte le procedure di caricazione, movimentazione e trasporto della merce. Un anno fa, proprio in occasione della Genoa Shipping Week fu presentata la pubblicazione in italiano, sia della guida, sia della relativa lista di controllo per l’imballaggio dei container, resa possibile grazie al sostegno di BIC e  C.I.S.C.o  Interverranno, tra gli altri: Peregrine Storrs-Fox, Direttore della Gestione Rischi del TT Club, forte sostenitore dell’importanza della guida per evitare incidenti e danni economici causati da una errata distribuzione del carico all’interno del container; e Lucia Cavallo di Bureau Veritas International, multinazionale con cui l’associazione ha stretto un accordo di collaborazione per la diffusione del CTU code attraverso specifiche proposte di formazione e di certificazione.

Il terzo e ultimo panel sarà dedicato alle nuove sfide dell’intermodalità, con un approfondimento sullo sviluppo delle infrastrutture ferroviarie, per evitare le congestioni e far fronte all’estensione geografica e demografica, come è il caso degli Stati Uniti, dell’Asia e dell’Africa. Sandra Gehenot, direttore UIC Trasporto merci, parlerà di pianificazione dello sviluppo delle infrastrutture ferroviarie nel mondo che devono essere funzionali e rispettose dell’ambiente, soddisfacendo gli standard di velocità, connessione e sicurezza. Quando si parla di sviluppo delle infrastrutture non si può non citare l’Africa, dall’altissimo potenziale di crescita del trasporto containerizzato infracontinentale. Questo aspetto sarà approfondito da Yves d’Erneville, direttore CSTTAO Sudafrica e Senegal. L’Africa è il futuro del traffico containerizzato che sarà da sviluppare secondo i canoni di safety & security, standardizzazione e sostenibilità che stanno molto a cuore a BIC che dal 2015 conferisce borse di studio a studenti che propongano progetti per l’industria della logistica dei container basata su questi punti.

Il convegno sarà preceduto, giovedì 29 settembre, dalla riunione dei rappresentati delle NRO - National Registration Organizations di BIC – Bureau International des Containers che, per la prima volta, si svolgerà in Italia, a Napoli in occasione della NSW. Questo evento, a cadenza biennale, riunisce tutti gli enti federati nel BIC dedicati al rilascio delle sigle dei container. La delegazione parteciperà attivamente al seminario per affrontare e risolvere i problemi legati allo sviluppo del trasporto intermodale attraverso le frontiere mondiali.

PROGRAMMA

ORE 9.00 – 9.30
Introduzione
Giordano Bruno Guerrini, Presidente BIC
Rappresentante EMSA, in fase di conferma
Ivano Russo, Amministratore Unico RAM

9.30 – 10.30 PANEL 1 – SMART CONTAINERS
Marianna Levtov, Nexxiot and ISO coordinator
David Roff , Cif Consulting
Benedicte Meille, WCO BIC’s representative
Modera: Douglas Owen, BIC’s Secretary General

10.40 – 11.40 - PANEL 2 – SAFETY AND BIOSECURITY
Peregrine Storrs-Fox, TT Club Risk Management Director
Lucia Cavallo, Bureau Veritas International, Paris
Mike Downes, Southern Container Advisory Ltd, Australia
Modera: Avv. Enrico Molisani, Genoa’s Propeller Club Secretary General

11.50 – 12.50 - PANEL 3 – NEW FRONTIERS OF INTERMODALISM
Sandra Gehenot, UIC director Freight
Yves d’Erneville, CSTTAO director South Africa and Senegal
Alberto Rossi, Segretario Generale Assarmatori
Modera: Alessandro Panaro, SRM