Incontro sullo Sviluppo dell’Idrovia Adriatico-Piacenza

fiume-po-conca-navigazione-isola-serafini

 Incontro sullo Sviluppo dell’Idrovia Adriatico-Piacenza (Milano) con alcune autorità della UE, Commissione, Direzione  Trasporti, Reti Transeuropee, dell’INEA ed  Italiane. in occasione dell’inaugurazione della nuova Conca di Navigazione sul Po ad Isola Serafini tra Cremona e Piacenza cofinanziata dalla UE. del Ven. Rilanciare la navigazione interna del trasporto più sostenibile spostando merci dalle strade alle vie d’acqua dal mare fin verso Milano è uno degli obiettivi fondamentale del sistema di navigazione interna. Non solo, ma anche l’incremento della navigazione turistica e croceristica fluviale sarà un risultato dell’apertura della nuova Conca di Isola Serafini tra Cremona e Piacenza. Essa permetterà un’ulteriore balzo dei convogli a V^ classe europea (2000 ton per le merci e motonavi albergo) dal mare a Piacenza e, quindi, vicino a Milano. Non tra poche difficoltà, gli operatori sia del trasporto merci che del turismo fluviale stanno portando avanti investimenti in parallelo a quelli pubblici per far sì che tutto sistema della rete di navigazione interna possa essere rilanciata come nuovo settore di crescita economica, di opportunità logistiche e turistico-culturali assieme al grande obiettivo di salvaguardia dell’ambiente. Ogni tonnellata trasportata via acqua da Venezia a Piacenza fa risparmiare congestione stradale ed emissioni senza intaccare le qualità ambientali del fiume. Per  questi motivi i delegati dell’International Propeller Club di Venezia, Mantova e Milano, con i saluti inviati anche da quello di Ravenna, hanno promosso un incontro tra gli operatori e le istituzioni in occasione della presenza a Piacenza di importanti autorità come Cesare Bernabei  DG Sviluppo Regionale della Commissione Europea, Senior Advisor,  Julian Espina-Casabonne-Masonnave dell’INEA  l’Agenzia per le reti TEN della UE e  Valeria Cipollone della RAM Rete Autostrade del Mare (azienda del Ministero dei Trasporti italiano). L’occasione, quindi, ha permesso di scambiare opinioni sulle prospettive ed i problemi per aggiungere insieme una cooperazione per il rilancio di questo settore economico importante, purtroppo sottovalutato, ma al centro delle strategie del Nord Europa. All’incontro erano anche presenti i Presidenti dei Propeller club di Mantova Claudio Luppi di Venezia Massimo Bernardo e il delegato di Milano Giuseppe Perugini con alcuni soci che operano direttamente sulla rete di navigazione. “Oggi  l’inaugurazione della nuova conca sul Po ad Isola Serafini tra Cremona e Piacenza cofinanziata dall’Unione Europea rappresenta per tanti imprenditori un ulteriore elemento di speranza nel riportare la Lombardia ed i suoi traffici mercantili  a guardare con maggiore interesse ad est, verso l’Adriatico e, quindi, al grande sistema portuale che fa capo ai porti di  Venezia e Chioggia, quest’ultimo, lo ricordo,  unico porto fluviomarittimo del Paese” – ha tra l’altro affermato Massimo Bernardo -  Importante è stata anche  la presenza della rappresentanza del porto di Venezia che ha ricordato gli sforzi e gli investimenti effettuati per la promozione della Navigazione coerentemente alla strategia portata avanti anche dalla recente riforma dei Porti che sollecita le infrastrutture marittime a relazionarsi sempre più con gli porti e le piattaforme logistiche all’interno delle regioni retrostanti della Val Padana. Sono intervenuti anche i rappresentanti dell’AIDNI, (associazione Diritto Navigazione Interna) del comune di Piacenza. Con la nuova apertura della Conca la navigazione potrà arrivare a Piacenza ed integrarsi maggiormente con Milano avvicinando così l’industria lombarda  al mare.