Il welfare approda nel mondo della comunicazione. Mediatyche, agenzia milanese di comunicazione sostenibile, affida a JOINTLY il benessere dei suoi dipendenti.

logo_new-official

JOINTLY, startup innovativa a vocazione sociale, fa il suo ingresso nel mondo della comunicazione. A fare da apripista è Mediatyche, tra le prime agenzie a mettere a disposizione dei suoi dipendenti un completo e variegato piano di servizi di welfare.

Milano, 20 novembre 2018 – Offrire ai propri dipendenti un pacchetto strutturato di servizi di welfare accreditati secondo rigidi criteri di qualità: è questo l’obiettivo dell’accordo siglato da Mediatyche S.R.L. con JOINTLY – Il welfare condiviso, rete di condivisione e di progettazione di servizi di welfare aziendale nata nel 2014 dall’esperienza di Francesca Rizzi e Anna Zattoni. A seguito di una survey interna, che ha interpellato i dipendenti sulle loro necessità in termini di work-life balance e ottimizzazione della quotidianità, Mediatyche dalla scorsa primavera ha messo a disposizione dei propri collaboratori una piattaforma su misura contenente i servizi messi in rete nel 2014 dalla startup milanese: dai servizi di counseling e coaching, ai servizi a tutela della salute (prevenzione, sport, relax), fino all’assistenza fiscale e legale.

“Siamo molto contenti della decisione di Mediatyche di affidarci il benessere dei suoi collaboratori, perché con i nostri servizi di qualità costruiti sulle reali esigenze delle persone potremo diffondere un modello di business realmente sostenibile e vicino alle esigenze dei lavoratori anche nel mondo della comunicazione”, ha dichiarato Francesca Rizzi, CEO di JOINTLY-Il welfare condiviso. “Come già fatto con altre partnership recenti, con Mediatyche lavoreremo per diffondere sempre più la convinzione che un collaboratore felice dentro e fuori l’azienda è un collaboratore che si sente parte di una comunità e che lavora meglio”.

 
Non è un caso che a essere tra i pionieri nell’adozione di un piano di welfare nel variegato mondo delle agenzie di comunicazione sia proprio Mediatyche, una realtà milanese che sin dalla sua nascita nel 2011 ha scelto la strada della sostenibilità. La sensibilità e l’expertise riguardo ai temi del benessere sociale, economico e ambientale rappresentano il marchio distintivo di un’agenzia che da sempre persegue un approccio alternativo e su misura rispetto ai tradizionali processi di comunicazione. Coerentemente con i suoi valori, il benessere dei propri dipendenti costituisce una priorità per Mediatyche, ed è per questo che Massimo Tafi, Fondatore e Amministratore unico e Elena Rabaglio, Co-fondatrice e Direttore clienti di Mediatyche, hanno deciso di mettere a disposizione dei loro dipendenti i servizi erogati dall’innovativa piattaforma di JOINTLY.
 
“Sono certo che i dipendenti Mediatyche apprezzeranno sempre più questa iniziativa perché i servizi di JOINTLY contribuiranno al loro benessere, permettendo loro di risparmiare tempo e denaro”, ha dichiarato Tafi. “La frenesia della società in cui viviamo purtroppo rende sempre più difficile trovare del tempo da dedicare ai bisogni personali e al disbrigo di pratiche burocratiche. E’ anche per questo motivo che mettiamo a disposizione dei nostri dipendenti questo supporto”.
 
Dello stesso parere anche Elena Rabaglio: “Da mamma lavoratrice so bene quanto sia complicato e stressante destreggiarsi tra i mille impegni che la quotidianità comporta. Come agenzia votata alla sostenibilità intesa a 360 gradi, siamo dei fermi sostenitori di tutte quelle soluzioni che aiutano a semplificare la vita dei lavoratori dentro e fuori l’azienda. Sono certa che le nostre persone non potranno far altro che apprezzare sempre più questa opportunità”.
I servizi proposti da JOINTLY, progettati dopo l’ascolto dei bisogni dei dipendenti e costruiti su misura in base alle effettive possibilità della singola azienda, sono riconducibili a tre aree di bisogno: per il dipendente che ha figli, per il dipendente caregiver e per il benessere personale del dipendente. L’offerta JOINTLY rappresenta un unicum sul mercato: i servizi vengono erogati, grazie ad una rete di oltre 10.000 partner selezionati su tutto il territorio nazionale, a  60 aziende clienti per un totale di 400.000 dipendenti attraverso una piattaforma digitale modulabile. Questa permette di accedere su tutto il territorio nazionale a un pacchetto di più di 110.000 servizi, acquistabili attraverso flexible benefit, contributi welfare unilaterali o a proprie spese.