Il Consiglio europeo, nuove norme per servizi portuali più efficienti

commissione-europea

Il Consiglio d’Europa ha adottato formalmente una nuova serie di norme per aumentare la trasparenza finanziaria dei porti e creare condizioni chiare ed eque per l’accesso al mercato dei servizi portuali in tutta Europa. Il regolamento faciliterà l’accesso al mercato a nuovi fornitori di determinati servizi portuali. Creerà una maggiore parità di condizioni e ridurrà le incertezze giuridiche per i porti, i fornitori di servizi portuali e gli investitori. Questo dovrebbe incoraggiare gli investimenti nei porti, migliorare la qualità dei servizi forniti agli utenti dei porti e persino contribuire a ridurre i prezzi. Le nuove norme assicureranno la trasparenza dei diritti portuali e dei finanziamenti pubblici dei porti, il che porterà a un miglior utilizzo dei fondi pubblici e a un’applicazione efficace ed equa delle norme dell’UE in materia di concorrenza nei porti. Al tempo stesso le nuove norme sono concepite in modo tale da tenere conto della diversità del settore a livello europeo. La votazione finale del Consiglio conclude la procedura in prima lettura. Il Parlamento europeo ha votato il 14 dicembre 2016. L’atto giuridico verrà firmato da entrambe le istituzioni a metà febbraio e sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Ue alcune settimane più tardi entrando in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione.