Il Cappellano Militare Capo di Salerno, don Claudio Mancusi, in visita alla Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia.

cappelllano

Castellammare di Stabia, 17 Ottobre 2019 -Il Cappellano Militare Capo di Salerno, don Claudio Mancusi, ha fatto visita al personale militare e civile della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Castellammare di Stabia.
A riceverlo presso la sede della Capitaneria stabiese il Capo del Compartimento Marittimo e Comandante del porto Capitano di Fregata (CP) Ivan SAVARESE. Don Claudio Mancusi, che per la prima volta da quando ricopre il prestigioso incarico ha visitato la Guardia Costiera di Castellammare di Stabia, dopo aver firmato il Libro d’Onore, si è trattenuto per conoscere l’organizzazione centrale e periferica della Capitaneria di porto stabiese, la cui giurisdizione compartimentale si estende dal Comune di Torre Annunziata a quello di Massa Lubrense, complimentandosi con il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera per i numerosi compiti svolti quotidianamente come garante della sicurezza della navigazione, del profilo ambientale e della tutela della salute pubblica del consumatore.  Don Claudio Mancusi è stato nominato nel gennaio del 2014 dall’Arcivescovo Ordinario Militare per l’Italia, monsignor Santo Marcianò quale Cappellano Militare Capo a Salerno, con il compito di assistere il personale militare e civile del 19° Reggimento “Cavalleggeri Guide”, del Centro Documentale EI e della Capitaneria di Porto di Salerno e di alcuni altri Comandi ricadenti nella provincia di Napoli, come appunto la Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia.  Nato ad Avigliano in provincia di Potenza il 18 settembre 1981, don Claudio ha frequentato gli studi filosofico-teologici a Potenza e a Roma, conseguendo il titolo accademico pontificio di “Licenza in Teologia Dogmatica” presso la Pontificia Università Gregoriana. Dopo aver concluso la formazione presso il Seminario-Scuola Allievi Cappellani Militari in Roma, è stato ordinato sacerdote l’ 8 marzo 2008 nella Basilica Papale di Santa Maria Maggiore, dall’Ordinario Militare per l’Italia.  Incardinato nella Chiesa Ordinariato Militare, don Claudio è stato destinato al 7° Reggimento Alpini a Belluno, assistendo in estensione d’incarico le Basi Logistiche di Tai di Cadore, Arabba e Volpago del Montello (dal 2008 al 2009). Cappellano Militare della Stazione Aeromobili, del Gruppo Aerei Imbarcati, del 4° Gruppo Elicotteri MM in Grottaglie e della Direzione di Munizionamento MM a Taranto (dal 2009 fino ad ora) Don Claudio è stato impiegato nel Mediterraneo Orientale per la Campagna Nato SNMCMG2 (2009) ed in teatro operativo kosovaro “Operation Joint Enterprise” (2010).  Don Claudio è autore anche di diverse pubblicazioni, tra cui: “Kosovo: sguardi desiderio di Pace – Esperienze”, Potenza 201 ed è insignito del Cavalierato di Grazia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio di Napoli.