I sindacati internazionali rinnovano la richiesta di azione per i continui attacchi contro il sindacalista libico

nermin_al_sharif3

Un nuovo appello per proteggere la libertà e la sicurezza di un sindacalista libico è stato lanciato questa settimana dall’ITF tramite la piattaforma online LabourStart.

Nermin Al-Sharif, segretario generale della Dockers ‘e Union of Libya affiliata all’ITF, è un attivo e famoso difensore dei diritti umani, dei lavoratori e delle donne sia sul palcoscenico nazionale che internazionale. È stata oggetto di attacchi in corso, tra cui diversi tentativi sulla sua vita.

Nell’ultimo episodio, Nermin è stata detenuta per diversi giorni e il suo passaporto è stato confiscato, impedendole di recarsi in un evento ITF internazionale in Marocco, dove avrebbe dovuto rivolgersi a donne attiviste provenienti da tutto il mondo. Nermin ha inviato un videomessaggio alla conferenza e gli è stato offerto un supporto travolgente dai 250 partecipanti a nome dei loro sindacati. La conferenza ha delineato l’impegno dell’ITF di offrire supporto e solidarietà ai lavoratori delle donne vittime di atti di violenza come risultato del loro attivismo. Il rapporto della conferenza recita:

“La conferenza ha espresso serie preoccupazioni per l’impatto dell’attuale situazione industriale e politica affrontata dalle donne nel settore dei trasporti e ha chiesto che il futuro del lavoro per i lavoratori del trasporto delle donne sia incorporato in tutte le attività dell’ITF.

L’ITF continuerà a garantire il sostegno alle donne che sono prese di mira da governi e datori di lavoro a causa delle loro attività sindacali “.

A Londra la scorsa settimana rappresentanti di ITF Dockers e sindacati dei marittimi hanno chiesto di intervenire sulla campagna di intimidazione e violenza contro Nermin. In una dichiarazione collettiva hanno detto:

“ITF Dockers e Seafarers condannano con fermezza le recenti azioni intraprese contro Nond Al-Sharif, leader di spicco della Dockers libici e dell’Unione dei marittimi, chiedendo che il suo passaporto le venga restituito immediatamente per poter viaggiare liberamente. è autorizzata a continuare l’importante lavoro che svolge per uomini e donne di lavoro in Libia e altrove senza restrizioni né ritorsioni da parte di alcuna entità e che le viene data la necessaria protezione dal suo governo.Infine, chiediamo che qualsiasi indagine indebita contro di lei debba cessare .

L’implacabile lavoro di Nermin Al-Sharif per la promozione dei diritti umani in generale, i diritti dei lavoratori e delle donne in particolare e un sano dibattito democratico sono ammirevoli e devono poter continuare senza restrizioni, minacce di detenzione e minacce alla sua vita e salute “.

Il presidente dell’ITF Paddy Crumlin ha proseguito dicendo: “La comunità sindacale internazionale non si fermerà e lascerà che questo tipo di trattamento oltraggioso continui. Nermin è un attivista, un sindacalista e un compagno stimato.

“Esortiamo ogni sindacalista, ogni ordinaria donna lavoratrice e uomo, chiunque abbia a cuore i diritti umani e il diritto alla libertà e alla giustizia a sostenere questa campagna. Questi sono principi fondamentali e non possiamo permetterci di lasciarli erodere in questo modo “.

L’ITUC (Confederazione internazionale dei sindacati) ha offerto sostegno all’appello. Il segretario generale Sharan Burrow ha dichiarato: “Nermin è una figura ben nota nel movimento sindacale internazionale. È un’attivista con innumerevoli anni di esperienza e attività per la protezione dei lavoratori.

“La violazione estrema ed esplicita dei suoi diritti umani attraverso attacchi violenti e ultimamente violazione del suo diritto fondamentale alla libertà di movimento, è sintomatica di un paese in cui lo stato di diritto non viene rispettato. Siamo fermamente dietro questo appello e offriamo ogni supporto a Nermin e all’ITF “.