Francesco Boemio Assessore Comunale di Cardito circola senza assicurazione e casco su uno scooter con fermo amministrativo e condivide post contro i pentiti di camorra

1-motosenzaassicurazione

“Il Pd prenda le distanze dall’assessore Francesco Boemio di Cardito che è stato immortalato dal giornalista Stefano Andreone mentre era alla guida di uno scooter (vedi foto), privo di copertura assicurativa e soggetto a fermo amministrativo, senza dimenticare che né lui, né il passeggero, uno staffista del Sindaco di Cardito, erano provvisti di casco. Il mancato uso del casco, tra l’altro, sembra essere un’abitudine radicata perché, sul suo profilo facebook, c’è anche una foto che lo ritrae a bordo di una moto di grossa cilindrata insieme a una bambina ed entrambi non hanno il casco”.

A chiederlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “chi rappresenta le Istituzioni non può dare il cattivo esempio violando leggi e mettendo a rischio l’incolumità personale e delle altre persone e sarebbe giusto che il Sindaco prendesse in considerazione l’ipotesi di revocargli l’incarico”.

“Il profilo facebook dell’assessore carditese, inoltre, è anche una fiera di citazioni tratte da Gomorra e da altri film dedicati alla malavita e non manca neanche un post in cui si definiscono infami i pentiti di camorra” ha aggiunto Borrelli per il quale “è inaccettabile che un uomo delle Istituzioni condivida sui social terminologie e definizioni tipiche dei camorristi che contestano l’uso dei pentiti perché ha permesso di dare duri colpi ai clan con operazioni basate proprio sulle testimonianze dei camorristi”.