Fincantieri e Ministero dell’Interno firmano protocollo di legalità

(S-D) Il ministro dell'Interno Marco Minniti, il presidente Fincantieri Giampiero Massolo e l'amministratore delegato Fincantieri Giuseppe Bono durante la firma del Protocollo di legalità per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle attività del Gruppo Fincantieri, Roma, 27 febbraio 2017. ANSA/ANGELO CARCONI

Ministero dell’Interno e Fincantieri hanno firmato il Protocollo Quadro Nazionale di Legalità, finalizzato alla prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata. L’accordo, frutto dell’esperienza maturata con i diversi protocolli sottoscritti dall’azienda a livello locale negli ultimi anni, rappresenta un fondamentale traguardo che unifica a livello nazionale le procedure per le verifiche antimafia sulle imprese operanti in appalto e subappalto presso tutte le sedi del Gruppo Fincantieri. Il documento ha per oggetto la costituzione e la disciplina di un partenariato rafforzato con il Ministero dell’Interno, in materia di sicurezza, legalità e difesa del mercato. Istituisce  presso lo stesso Ministero una “cabina di monitoraggio” dedicata all’attuazione del Protocollo e, confermando una già preziosa collaborazione a livello territoriale tra Fincantieri e le Prefetture, recepisce e implementa procedure e adempimenti già posti in essere dal gruppo cantieristico, estendendole anche alle società controllate e ai fornitori esteri. In particolare, viene migliorato il flusso di notizie per garantire la massima trasparenza al sistema delle forniture, degli appalti e dei subappalti, e per verificare la sussistenza di eventuali cointeressenze da parte di soggetti direttamente o indirettamente legati alla criminalità organizzata e comune. Costituiscono elementi innovativi: l’applicazione a livello nazionale delle verifiche antimafia alle attività “ad alto rischio di infiltrazioni mafiose”, nonché un presidio rafforzato nell’ambito del contrasto al fenomeno del “caporalato”.