Elba, a maggio l’escavo del porto di Marina

porto_marinacampo

Subito l’escavo del porto e, compatibilmente con l’avvio della stagione balneare, il ripascimento delle sabbie Alzi. Regione, Comune di Campo nell’Elba, Provincia di Livorno e Genio Civile hanno fatto il punto sui lavori e gli interventi ancora in corso d’opera o da fare dopo l’alluvione del novembre 2011. Quattordici interventi in tutto, alcuni già in stato avanzato e pochissimi ancora in fase di progettazione – 4 milioni e 750 mila euro impegnati per realizzare le opere, altri 3 milioni di rimborsi per i danni a privati e imprese – e che, dopo la conclusione della fase di commissariamento, la giunta regionale assegnerà la prossima settimana, attraverso la firma di due accordi distinti, alla realizzazione di Comune e Provincia.

Sull’escavo del porto la Provincia inviterà le ditte che si sono dichiarate disponibili a realizzare l’intervento a presentare la loro offerta entro il 14 aprile. Ed entro il 30 aprile saranno assegnati i lavori, che dovrebbero essere ultimati in una decina di giorni. Lo scavo del porto e il ripristino della linea di riva è tra i quattordici interventi da realizzare quello più corposo, tolta la realizzazione della cassa di deposito del fosso Alzi – 1 milione e 480 mila euro previsti – che sarà realizzata dal Genio Civile e scongiurerà l’accumulo di detriti nell’alveo, aumentandone la portata. Per il porto l’impegno è di 570 mila euro. A ruota c’è l’attraversamento del fosso Galea e del fosso Stabbiati, ponte compreso (402 mila euro), la manutenzione straordinaria della scuola media Giusti (460 mila euro), la sostituzione delle isole a scomparsa per la raccolta dei rifiuti allagate e inutilizzabili (343 mila euro) e il muro di sponda e la risagomatura del fosso Bovalico (320 mila euro). Per il ripascimento delle sabbie Alzi della spiaggia di Marina di Campo serviranno invece 135 mila euro ed altri 200 mila per la realizzazione, agli Olmi, del muro di contenimento della strada sul fosso omonimo. L’esecuzione di alcuni lavori dovrà essere rinviata dopo l’estate, conclusa la stagione balneare. L’obiettivo è completare tutti gli interventi entro la metà del 2014.