Earth Day, l’impegno di Clia per una crocieristica sostenibile

CarnivalBreeze

L’associazione ricorda le attività del comparto a favore dell’ambiente

In occasione della “Giornata della Terra”, Cruise Lines International Association (CLIA), la principale associazione mondiale del settore crociere, ha voluto ricordare gli sforzi intrapresi dal comparto per la salvaguardia dell’ambiente marino. Un impegno che deriva “non solo dalla responsabilità richiesta a ciascuno di noi di rispettare il più possibile l’ambiente, ma anche dal fatto che mari e spiagge pulite sono alla base di un’esperienza crocieristica gradevole e positiva”.

Ad oggi il settore adotta comportamenti e procedure più stringenti rispetto a quanto previsto dalle normative. In particolar modo in settori come il trattamento delle acque reflue, la riduzione delle emissioni e lo sviluppo di tecnologie innovative finalizzate a diminuire ulteriormente l’impatto del crocierismo sull’ambiente.

“Il comparto crocieristico – spiega Robert Ashdown, Segretario Generale di CLIA Europe – continua a investire notevoli risorse per questo obiettivo, impegnandosi nello sviluppo, con i nostri progettisti, di un’ampia gamma di nuove tecnologie in grado di proteggere la qualità di aria e acqua e di incrementare, al contempo, l’efficienza energetica della navigazione”.

L’efficienza energetica rappresenta infatti un aspetto importante per il settore, che da tempo ha adottato pratiche quali: l’utilizzo di acqua calda riciclata per il riscaldamento delle cabine passeggeri; l’impiego di finestre la cui speciale colorazione è in grado di rinfrescare l’ambiente riducendo così l’utilizzo di aria condizionata; il passaggio a luci LED con un durata 25 volte maggiore rispetto al normale e, infine, una riduzione complessiva del consumo energetico pari al’80% e una diminuzione di circa il 50% del riscaldamento. Tutte queste azioni implicano anche una significativa riduzione delle emissioni atmosferiche.

Negli ultimi 10 anni i membri di CLIA hanno investito in maniera importante nello sviluppo e nell’implementazione di nuove tecnologie che agevolano la riduzioni di tali emissioni. Tra queste: l’utilizzo di impianti di filtraggio dei gas di scarico, lo sviluppo di propulsori più efficienti e l’incremento dell’utilizzo di sistemi di alimentazione a terra, il cosiddetto “Cold ironing” che, prevedendo l’allacciamento delle navi alla rete elettrica del porto, riduce notevolmente l’inquinamento.

In collaborazione con l’IMO e con gli stati di bandiera e di approdo, CLIA ha partecipato allo sviluppo di standard coerenti e uniformi che disciplinano a livello internazionale la gestione dei rifiuti a bordo. Gli associati CLIA hanno inoltre adottato le pratiche proposte dal comparto per la gestione dei rifiuti, in grado di tutelare l’ambiente in misura di gran lunga maggiore rispetto a quanto stabilito dagli attuali parametri normativi.

Molte delle compagnie aderenti a CLIA offrono inoltre programmi specifici, finalizzati a consolidare la consapevolezza dei passeggeri e a incoraggiarne i comportamenti virtuosi in termini di sostenibilità ambientale, tra cui la riduzione del consumo di energia e il riciclo di carta, plastica, vetro e lattine di alluminio grazie agli appositi raccoglitori per la raccolta differenziata che si trovano a bordo della navi.