Parlamento europeo: raggiunto accordo sui diritti dei passeggeri del trasporto ferroviario

passeggeri

Bruxelles, 2 ottobre 2020 - Ieri il Parlamento europeo e il Consiglio hanno raggiunto un accordo provvisorio sull’aggiornamento dei diritti dei passeggeri del trasporto ferroviario.

Adina Vălean, Commissaria per la Mobilità e i trasporti, ha dichiarato: “Dopo tre anni di negoziati e di cooperazione con il Parlamento europeo e il Consiglio, abbiamo finalmente raggiunto un accordo sui diritti dei passeggeri del trasporto ferroviario. Il nuovo regolamento garantisce maggiore protezione ai passeggeri europei in caso di ritardi, cancellazioni, coincidenze perse o discriminazione, aumentando così la fiducia nelle compagnie ferroviarie. Mi compiaccio in particolare dei progressi compiuti per rispondere meglio alle esigenze delle persone con disabilità o a mobilità ridotta e della chiarezza giuridica che abbiamo ottenuto sia per i consumatori che per le imprese.”

L’accordo garantisce una maggiore protezione dei passeggeri in caso di interruzioni del viaggio e chiarisce le norme per l’applicazione e il trattamento dei reclami. Offre inoltre un migliore accesso alle informazioni e migliora in modo significativo i diritti dei passeggeri con disabilità o a mobilità ridotta. Inoltre, le nuove norme garantiranno più spazio per le biciclette. I treni nuovi o che sono stati oggetto di ristrutturazioni importanti dovranno disporre di uno spazio dedicato per trasportare un numero adeguato di biciclette. Infine, l’accordo proposto chiarisce le circostanze eccezionali (come le condizioni meteorologiche estreme o la pandemia) in cui gli operatori sono esentati dal pagamento di un indennizzo in quanto non possono né evitare questi eventi né impedirne le conseguenze). In questi casi i passeggeri conservano comunque il diritto al rimborso del prezzo integrale del biglietto, al trasbordo su un altro treno e all’assistenza, in linea con la legislazione applicabile ad altri modi di trasporto.

L’adozione della proposta della Commissione aumenterà l’attrattiva del trasporto ferroviario quale modalità di trasporto sostenibile, in linea con la nostra proposta di dichiarare il 2021 Anno europeo delle ferrovie e con gli obiettivi del Green Deal europeo. Nel 2017 la Commissione ha proposto di aggiornare i diritti dei passeggeri del trasporto ferroviario dell’UE. I due colegislatori devono adottare formalmente l’accordo prima che diventi legge.