De Luca, un impegno per il Sud

de luca

Conferenza stampa per il neo vice ministro  

Scelte impegnative su autostrade, ferrovie, porti e trasporto pubblico. Il neo vice ministro alle Infrastrutture e Trasporti, Vincenzo De Luca, non le teme pur consapevole “che il Governo si muove su un campo minato”. “La situazione politica ed economica  - spiega nel corso di una conferenza stampa a Palazzo di Città – resta di grande difficoltà. Dobbiamo stare con i piedi per terra e combattere con determinazione”.

Di certo, annuncia, sarà posta una particolare attenzione alle problematiche del meridione, “cercando di battersi per avere risorse per giungere al completamento di alcune opere fondamentali, ad iniziare dalla Salerno-Reggio Calabria”, e della Campania, “con particolare riferimento all’area metropolitana di Napoli e alla delicata situazione del trasporto pubblico, e a quelle del territorio salernitano, soprattutto alla metropolitana, all’aeroporto, al sistema portuale, al collegamento con l’università”.

“Cercheremo di portare a Roma le caratteristiche dell’esperienza fatta qui a Salerno, specialmente nella direzione della sburocratizzazione”, ha spiegato. “Non c’è da farsi grandi illusioni, perché nei Ministeri si respira un’aria tutta particolare e le decisioni sono scandite su tempi biblici. Si dovrà fare da subito una convinta battaglia per l’innovazione e la sburocratizzazione delle procedure amministrative. Sarà una bella sfida. L’Italia muore se non decidiamo di usare la spada nei confronti dei vincoli burocratici che stanno soffocando questo paese”.

De Luca ha rassicurato sul proseguimento del programma di grandi opere salernitane (da Piazza della Libertà alla Stazione Marittima, dalla Cittadella Giudiziaria alla Lungoirno al Marina d’Arechi) affrontando anche la questione sull’incompatibilità delle cariche istituzionali. “Ci muoveremo – ha concluso – nel rispetto della legge nazionale. In ogni caso, il Consiglio Comunale resterà pienamente operativo ed in carica”.