Dal porto di Venezia lo Southstream di Gazprom

project cargo Gazprom da Venezia (1)

Partiti via mare i giganteschi pezzi del gasdotto che collegherà  la Russia e l’Ue

Sono state movimentate dal terminal Transped del porto di Venezia le parti di impianto che serviranno alla realizzazione dello Southstream, l’imponente gasdotto di Gazprom che connetterà Russia e Unione Europea. La spedizione è avvenuta anche grazie alla collaborazione con operatori tedeschi che stanno via via incrementando i traffici tramite lo scalo veneziano. Dalle banchine di Marghera nel 2013 sono passati oltre 1400 carichi eccezionali (+57% rispetto al 2012), tra i quali i pezzi dei più grossi impianti mondiali diretti verso la Cina, i mercati del Golfo Persico e del Mar Nero. Un settore, quello dei cosiddetti project cargo, che vale tra i 700 e i 1000 milioni di euro l’anno e che vede in Venezia e nei suoi terminal i leader a livello europeo. Infatti, lo scalo lagunare possiede i 3 asset competitivi necessari per il successo in questa nicchia preziosissima: la conformazione fisica del territorio retrostante che assicura al porto la massima accessibilità grazie a strade con pendenze basse o nulle, senza attraversamenti in galleria o restringimenti di carreggiat; una grande domanda di movimentazione dei project cargo: le aree afferenti il Porto di Venezia rappresentano il cuore produttivo e industriale italiano con vere e proprie eccellenze nel settore degli impianti industriali; lo sviluppo di expertise qualificate e una rete di terminalisti, trasportatori, agenti e spedizionieri specializzati nel trattare tutte le molteplici necessità collegate alla movimentazione di merci così particolari, impegnative e ad alto valore. Inoltre Venezia offre la straordinaria opportunità di poter movimentare il project cargo per via fluviale. Via chiatta i project cargo arrivano a Venezia da Cremona e dal Porto fluviale di Mantova, lungo l’asta idroviaria infatti si può trasportare merce senza, di fatto, limitazioni di peso e con altezze di  8 metri grazie all’impiego di chiatte affondabili.