Da domenica notte, stop ai tir

Foto Fabio Ferrari / LaPresse23 01 2012 Torino, ItalianewsBlocco Autotrasportatori sulla tangenziale di Torino all'altezza dell'autoporto Sito.Nella foto:Momento del Blocco con i TirFoto Fabio Ferrari / LaPresse23 01 2012 Turin, Italynewsblock Haulage Tangential of Turinin the picture:Moment of Protest

Confermato il fermo nazionale dell’autotrasporto italiano. A partire dalla mezzanotte di domenica prossima gli autotrasportatori si fermeranno per cinque giorni su tutto il territorio nazionale. Al centro della protesta la mancata soluzione dei problemi della categoria e il mancato mantenimento degli impegni assunti dal governo in materia di regolamentazione del settore. Maurizio Longo, Segretario Generale di Trasportounito, organizzazione che guida la protesta chiede “la definizione di un sistema di regole, che consentano alle aziende di autotrasporto di sopravvivere, per esempio con i tempi di pagamento certi e la certezza del credito, la reale remunerazione ai tempi di carico e scarico, la revisione dei costi minimi di sicurezza e la regolamentazione delle sub-vezioni”. L’obiettivo è ottenere un quadro normativo in grado di garantire una maggiore capacità contrattuale nei confronti della committenza e la risoluzione delle annose questioni strutturali e funzionali che riguardano le regioni della Sicilia e della Sardegna. “Tutte norme e interventi – prosegue Longo – che impattano con quegli interessi che hanno condannato l’autotrasporto, vero e proprio asse portante del sistema economico italiano (con circa il 90% delle merci trasportate su strada), alla situazione di fallimento di fatto in cui versa oggi. Il Governo pur conoscendo le nostre specifiche richieste ha preferito introdurre, nella Legge di Stabilità, disposizioni per l’autotrasporto che nulla hanno a che vedere con le reali soluzioni, a costo zero, di cui necessita il settore”.