Crociere, nel 2015 Napoli conferma la terza posizione

Terminal-Napoli-Panoramica-2-350x2787

Terzo scalo crocieristico nazionale con circa 1,2 milioni di passeggeri movimentati (+7,7% sul 2014) e 450 toccate nave (+12,8%). Queste le proiezioni aggiornate per il 2015 relative al porto di Napoli contenute all’interno di Italian Cruise Watch 2015, il rapporto di ricerca sull’industria crocieristica nazionale curato da Risposte Turismo – società di ricerca e consulenza attiva nella macro industria turistica – che verrà presentato integralmente e distribuito in occasione della quinta edizione di Italian Cruise Day, l’appuntamento di riferimento per il comparto crocieristico nazionale in programma venerdì 2 e sabato 3 ottobre p.v. presso l’Autorità Portuale di Civitavecchia. Nella classifica previsionale dei passeggeri movimentati nei porti italiani nel 2015 stilata da Risposte Turismo, Napoli si collocherà dietro a Civitavecchia (circa 2,3 milioni di crocieristi) e Venezia (1,6 milioni di crocieristi). In particolare, secondo le stime di Risposte Turismo a fine 2015 presso lo scalo di Napoli saranno, rispetto al 2014, circa 85.200 i crocieristi movimentati in più e 51 le toccate nave in più effettuate. “Nonostante siano ancora da risolvere alcuni problemi nello spazio tra terminal crociere e centro città, – ha commentato Francesco di Cesare, Presidente di Risposte Turismo – le performance sotto il Vesuvio a fine 2015 saranno le migliori degli ultimi tre anni oltre ad essere l’unico porto tra i primi 5 nazionali a registrare variazioni positive su entrambi i valori”. “Napoli – ha concluso di Cesare – ha beneficiato delle operazioni della Allure of the Seas, attualmente la nave più grande al mondo che, dopo alcuni scali test della gemella Oasis of the Seas lo scorso anno, ha inserito quest’anno lo scalo partenopeo nei suoi itinerari”. I risultati ottenuti dallo scalo di Napoli contribuiranno a confermare la Campania al quarto posto nella classifica previsionale 2015 relativa al traffico crocieristico regionale (circa 1,5 milioni di passeggeri movimentati), dietro alla Liguria (oltre 2,5 milioni), al Lazio (poco più di 2,3 milioni) e al Veneto (1,6 milioni).