Crac Deiulemar, mano pesante del Pm

deiulemar 1

Richieste pesanti nel processo penale in corso a Roma sul crac Deiulemar. Il Pm Paolo D’Ovidio ha chiesto 16 anni di reclusione per i fratelli Pasquale e Angelo Della Gatta, figli di uno dei tre fondatori del gruppo armatoriale, Giovanni Battista Della Gatta. Sette anni per la sorella Micaela, sei e mezzo per la loro madre Lucia Boccia. Tredici gli anni di reclusione per l’unico fondatore della società ancora in vita, Giuseppe Lembo. Mano pesante anche per gli eredi di Michele Iuliano, ex amministratore unico di Deiulemar compagnia di navigazione: otto gli anni   per Giovanna Iuliano, cinque per Maria Luigia Lembo, vedova del “capitano”.