Costa: “In un paio d’anni cancelleremo l’emergenza grandi navi”

navi venezia

“L’Autorità Portuale di Venezia ha la coscienza a posto. Ha spiegato all’industria croceristica riunita a Miami che ha  fatto del suo meglio per confezionare una soluzione articolata sia di breve-medio periodo sia di lungo periodo”. Così al Seatrade Cruise Shipping di Miami il presidente dell’Ap Paolo Costa. “Attendiamo con fiducia che la Commissione di valutazione di impatto ambientale riconosca i fatti (il Contorta Sant’Angelo salva l’eccellenza crocieristica veneziana e avvia la ricostruzione morfologica e naturalistica della laguna centrale).  Se ci verrà dato via libera nei tempi di legge in un paio d’anni cancelleremo “l’emergenza” grandi navi. Poi, anzi fin da ora, e d’intesa con i Comuni di Venezia, di Mira e di Cavallino-Treporti avvieremo la procedura per scegliere tra le ipotesi di ri-localizzazione completa (nel lungo periodo) della Stazione marittima passeggeri che oggi sono quattro: bocca di Malamocco, Bocca di Lido (ma in una posizione più funzionale di quelle finora avanzate), Dogaletto, in comune di Mira lungo il Malamocco Marghera a sud di Fusina e, a Marghera in aree che verranno lasciate libere dalla riorganizzazione offshore-onshore del settore container (anche qui in luogo diverso da quello finora avanzato). E’ evidente che si tratta da una scelta che è “anche portuale”, ma che – se diversa dalla conferma dell’attuale Marittima – deve inquadrarsi in ragionamenti da piano regolatore generale che avvieremo con i comuni interessati dal giorno dopo della pronuncia di compatibilità ambientale sul Contorta. A quella data – è stato concordato con tutti i Ministeri competenti – è rinviata anche la definizione delle misure temporanee per il passaggio delle navi da crociera davanti San marco in attesa della via alternativa”.