Comitato portuale di Napoli, approvato il bilancio

foto 199 (2)

Revocate le dimissioni di Squillante

Il Comitato Portuale ha approvato a maggioranza il bilancio di previsione 2015 e la richiesta di esercizio provvisorio, dando il via libera al piano economico finanziario dell’Autorità Portuale di Napoli. Un piano che registra un avanzo di cassa di 74.388.863 euro, un avanzo economico di 124.000 euro e un avanzo finanziario di 61.063.617. “L’Autorità Portuale – ha commentato il Commissario Straordinario, Francesco Karrer – ha anche per quest’anno contribuito con risorse proprie al piano di investimenti in opere e interventi di manutenzione per un importo pari a 10 milioni di euro. In più ammonta a 630 mila euro la somma risparmiata in ossequio alla legge sulla spendine review e destinata allo Stato”. All’ordine del giorno c’erano, oltre all’approvazione del previsione 2015, l’adozione del Piano Operativo Triennale 2015-2017 e la sua approvazione e l’elenco annuale delle opere 2015, entrambi approvati.  In particolare per il piano annuale è stato sottolineato che il 75%  delle opere fa parte degli interventi previsti nel Grande Progetto prima tranche. La seduta era stata aperta da una relazione del Segretario Generale dimissionario, Emilio Squillante. Nella relazione il Segretario ha esaminato le principali questioni dal grande progetto, alle concessioni, ai piani di impresa, al nuovo piano regolatore specificando per ognuno dei punti le criticità e la necessità di proseguire sulla strada intrapresa con l’Atto di indirizzo già emanato da parte del Commissario Francesco Karrer. Al termine della relazione il Segretario Generale ha revocato le dimissioni, così come richiesto dal Comitato Portuale nella precedente seduta.