Clia, 2014 anno eccellente per le crociere

crociere

Il 2014 potrebbe essere un anno di potenziale crescita per il settore crocieristico mondiale. E’ la previsione che arriva da New York dove CLIA (Cruise Lines International Association), l’associazione che riunisce 63 compagnie attive in ogni angolo del globo, stima di movimentare 21,7 milioni di passeggeri (6,54 per il mercato europeo). “L’industria crocieristica mondiale è in un momento eccellente”, spiega Christine Duffy, Presidente e CEO di CLIA. Merito, soprattutto, “dei significativi investimenti delle compagnie per garantire una sempre più ampia varietà di navi in grado di raggiungere i luoghi più esotici del mondo”. Un fattore che in Europa ha portato a superare ogni record. “Nonostante le difficoltà economiche che l’Europa continua a sopportare, il numero di cittadini del vecchio continente che prenoteranno una vacanza in crociera è destinato ad aumentare anche quest’anno”, sottolinea Robert Ashdown Segreterio Generale di CLIA Europe. Per rispondere alla crescente domanda, le compagnie introdurranno nel biennio 2014-2015, 24 nuove navi, apportando capacità per complessivi 37.546 posti letto, con un volume di investimenti di circa 8 miliardi di dollari per navi destinate alla navigazione oceanica e fluviale.

Crescita dell’industria Il numero di passeggeri stimato da CLIA per il 2013 è 21,3 milioni, un dato che già include i 6,4 milioni europei. I dati definitivi per lo scorso anno saranno resi noti al Cruise Shipping di Miami il prossimo marzo. Il numero dei passeggeri mondiali attesi per il 2014 è invece 21,7 milioni, con 6,54 milioni in Europa.

Distribuzione della flotta La destinazione leader in termini di presenza delle navi rimangono i Caraibi, rappresentanti il 37,3% degli itinerari globali. Seguono Mediterraneo (18,9%), Nord Europa (11,1%), Australia / Nuova Zelanda (5,9%), Alaska (4,5% ), Asia (4,4​​%) e Sud America (3,3%). Nel 2014, i mercati che hanno visto un ulteriore aumento della presenza di navi sono: Caraibi (+12%), Nord Europa (+5,2%), Asia (+31,6%) e Australia (22%).

Nuove navi A livello globale, la flotta CLIA 2014 è composta da 410 navi, in crescita rispetto alle 393 dell’anno scorso, e comprende una vasta tipologia di vascelli, dalle mega e medie dimensioni ad altre più piccole. Dodici nuove navi CLIA (ordini confermati e attività opzionali) per il triennio 2016-2018 rappresentano un ulteriore aumento di capacità di 33.192 posti e un investimento stimato in ulteriori 7,9 miliardi dollari nello sviluppo della flotta.