Cin Tirrenia, Morace possibilista sul calo tariffe

morace

Cappellacci va avanti con la flotta sarda

“In questo primo anno di attività la nuova Tirrenia ha profuso ogni suo sforzo per migliorare il servizio e garantire la continuità territoriale con grande senso di responsabilità, mettendo costantemente la Sardegna al centro dei propri programmi. Con “spirito di servizio” stiamo collaborando con il Ministro Lupi e con il Presidente Cappellacci, per tener conto della difficile situazione economica del Paese”. Così l’Amministratore Delegato di Tirrenia Cin Ettore Morace in merito all’incontro organizzato dal ministero delle Infrastrutture tra la compagnia e la Regione Sardegna. Morace non si è detto contrario ad una rivisitazione della politica tariffaria. “Tuttavia – ha spiegato solo dall’adeguamento della Convenzione al mutato contesto di mercato potranno derivare i risparmi necessari per far fronte all’auspicata revisione delle tariffe merci. In tale contesto, anche a seguito dell’iniziativa del Ministro Lupi, affronteremo anche con l’Antitrust il tema tariffario, al fine di valutare come le iniziative in corso impatteranno sull’esecuzione del provvedimento del 2012”.

Ribadisce invece i suoi obiettivi il “fustigatore” della Tirrenia, Ugo Cappellacci. Innanzitutto “una piena ed effettiva continuità territoriale per i passeggeri e per le merci”. “La Regione – ha aggiunto – prosegue altresì l’opera per varare quella nuova flotta sarda che, come rilevato dalla stessa antitrust per la fase sperimentale, è un’efficace sentinella per quel diritto alla mobilità dei sardi che in questi decenni è stato oggetto di un’aggressione costante e studiata a tavolino. E quando sono in gioco i diritti – ha concluso il presidente – non possono essere le istituzioni a fare sconti”.