CAPITANERIA DI PORTO DI GENOVA: FIRMATO UN PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CISOM E L’ACCADEMIA DELLA MARINA MERCANTILE PER LA FORMAZIONE DEGLI ALLIEVI

dsc_6551

È stato sottoscritto stamane presso la sede della Capitaneria di Porto di Genova, alla presenza del Comandante del Porto Ammiraglio Ispettore Giovanni Pettorino, un protocollo di intesa tra il Presidente dell’Accademia della Marina Mercantile di Genova Massolo e il Direttore Nazionale del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta Mauro Casinghini.

Una convenzione di fondamentale importanza perché consente di promuovere e sviluppare progetti di formazione e aggiornamento in favore degli allievi ufficiali della Marina Mercantile per accrescerne il livello della loro formazione e preparazione nella pratica del primo soccorso e nella gestione delle emergenze, attraverso la programmazione di specifici percorsi formativi tenuti dai medici, infermieri e soccorritori del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta.

Le Fondazioni si impegnano, con il richiamato protocollo, anche a migliorare complessivamente il grado di specializzazione nei confronti di Allievi Ufficiali di Coperta e di Macchina, del personale marittimo di bordo e di terra, nonché degli operatori a livello manageriale e operativo nell’ambito del cluster marittimo, oltre ad organizzare per il futuro periodi di alta formazione quali master e corsi di perfezionamento e aggiornamento professionale, seminari e workshop in materia di soccorso sanitario.

L’Ammiraglio Pettorino, ha tenuto a precisare: “Sono lieto di aver ospitato nella sede della Capitaneria di Porto la sottoscrizione del protocollo tra il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, fondazione che da più di dieci anni collabora attivamente con la Guardia Costiera, e la Fondazione dell’Accademia della Marina Mercantile che opera nella formazione degli allievi ufficiali del mondo marittimo mercantile, tutte attività quelle oggetto del protocollo che la Capitaneria di Porto segue quotidianamente nell’assolvimento dei propri compiti istituzionali”.