CAPACCIO PAESTUM ANNEGA PER SALVARE DUE RAGAZZINI IN DIFFICOLTA’

annega-per-salvare-due-ragazzini

Tragedia sul litorale di Capaccio Paestum, dove una giovane donna di 34 anni è annegata nelle acque antistanti la spiaggia libera in località Torre di Mare, nei pressi del lido La Gondola. Raffaella Esposito Alaia residente a Sant’Anastasia, in provincia di Napoli, operatrice sociale di una comunità di tutela per minori di Acerra, in soggiorno presso un campeggio della zona. La tragedia si è consumata in pochi minuti intorno alle 15:oo circa. Secondo una prima ricostruzione, la donna si sarebbe tuffata dopo essersi resa conto delle gravi difficoltà che i due ragazzini entrambi minorenni e di origini africane ma nati in Italia,  entrati in acqua nonostante la bandiera rossa issata a causa del mare mosso, quando all’improvviso sono stati risucchiati tutti e tre da una forte corrente di risacca, che li ha trascinati a fondo.  Immediatamente, notato il pericolo, diverse persone sulla battigia hanno dato l’allarme, ed in acqua si sono fiondati il proprietario dello stabilimento balneare, ed il bagnino, i quali, con grande coraggio e nonostante le onde ed il mare agitato, hanno afferrato i tre cercando di riportarli a riva. Niente da fare, purtroppo, per la 34enne. A nulla sono serviti i tentativi delle equipe delle unità rianimative della Croce Azzurra di Capaccio Paestum. Le sono stati praticati per diversi minuti il massaggio cardiaco e la respirazione artificiale, ma tutto è risultato vano. La poverina è morta sotto gli occhi dei presenti, increduli e disperati. Sul posto i militari della Guardia Costiera di Agropoli, diretti dal tenente di vascello Gianluca Scuccimarri, ed i Carabinieri della Stazione di Capaccio Scalo, agli ordini del luogotenente Serafino Palumbo, che hanno informato il pm di turno presso la Procura di Salerno. E’ stato disposto l’esame esterno della salma a cura del medico legale . Intanto la compagnia di Agropoli, coordinata dal capitano Francesco Manna, indaga per ricostruire la dinamica della tragedia.