Calabria, quest’anno raddoppiati i crocieristi

Medcruise nel futuro dell’autorità portuale di Gioia Tauro

Quindici navi, per una presenza di 7mila passeggeri. Raddoppiano i numeri della stagione crocieristica in Calabria rispetto all’anno scorso. Protagonista del piano crocieristico 2013, presentato dai vertici della regione e dal Segretario Generale dell’Ap di Gioia Tauro, Salvatore Silvestri, il porto di Crotone con 10 approdi. A seguire, nell’ambito dei quattro porti a vocazione turistica individuato dal “Masterplan Portuale redatto dalla Regione, Corigliano (3 scali), Vibo Valentia e Tropea (1).  Sono in via di definizione, inoltre, ulteriori accordi per ampliare la presenza di navi anche negli altri scali regionali. L’obiettivo è raggiungere nel prossimo triennio 50/80 mila passeggeri puntando in particolare sulle cosiddette navi di “nicchia”, in grado di offrire tour tematici. “I quattro porti crocieristici, individuati nel ‘masterplan della portualità calabrese’, hanno già delle infrastrutture in grado di poter ospitare diverse tipologie di navi. La Regione – spiega la Vicepresidente regionale Antonella Stasi – sta lavorando, altresì, per migliorare i servizi a terra, con un’attenta azione di coordinamento con le istituzioni locali, Capitanerie di Porto, Provincie e Camere di Commercio, seguendo modelli già sviluppati dai grandi porti turistici italiani”. In questo contesto, ha annunciato Salvatore Silvestri, l’autorità portuale di Gioia Tauro si è attivata per entrare nel circuito di Medcruise “che ci potrà garantire un ulteriore passo in avanti in questo settore”.