Autotrasporto: Tatjana Rojc al Ministro dei Trasporti DaniloToninelli. Serve riordino per trasporti eccezionali

trasporti-ecc

Senatrice dem interroga Ministro: imprese penalizzate da normativa

“Il ministro Toninelli sospenda l’applicazione della nuova procedura per i trasporti eccezionali, che impedisce agli autotrasportatori di svolgere in modo puntuale il proprio lavoro, si impegni a chiarire in tempi brevi la normativa esistente e ne preveda finalmente un suo definitivo riordino”. E’ quanto chiede attraverso una interrogazione urgente al ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, la parlamentare del Pd Tatjana Rojc che ha voluto portare all’attenzione del Governo le “conseguenze molto penalizzanti per le imprese di autotrasporto, segnalate recentemente anche da Confartigianato Trasporti del Friuli Venezia Giulia” a seguito della recente circolare Anas che prevede per i titolari di autorizzazioni periodiche con massa autorizzata superiore a 44 tonnellate, l’invio, prima di ciascun viaggio, di un preavviso di transito tramite il portale TEWEB Anas e introduce un preavviso di transito di almeno 48 ore prima dell’inizio di ciascun viaggio.

“Si tratta – scrive Rojc nella sua interrogazione – di una forma ulteriore di burocrazia che ostacola anziché agevolare il lavoro delle imprese. Un nuovo obbligo per i trasporti eccezionali che di fatto crea numerosi problemi all’autotrasporto, impedendo una organizzazione del lavoro d’impresa ordinato e tempestivo. E che – aggiunge – danneggia il settore industriale che produce manufatti di grandi o enormi dimensioni”.

Per mettere ordine in una serie di disagi che colpiscono gli autotrasportatori, la senatrice del Pd ha chiesto al ministro dei Trasporti “di attivarsi subito affinché sia effettivamente istituito l’Archivio e l’anagrafe nazionale delle strade (Art. 226 CdS) in modo da consentire alle imprese di individuare agevolmente e preliminarmente percorsi percorribili in sicurezza, in funzione della massa complessiva dei veicoli utilizzati e delle caratteristiche tecniche delle strade, così come individuate e segnalate dagli Enti proprietari”.