Autotrasportatori, in arrivo 27 milioni di euro per le aree sosta dei mezzi pesanti

vado-e-torno-2

Il progetto PASS4CORE, cofinanziato dalla UE, prevede 1.350 piazzole certificate, servizi per gli autotrasportatori e lo sviluppo di un’app dedicata

Roma, 22 luglio 2020 – Ampliare l’offerta di aree sosta per il trasporto su gomma e rendere le piazzole sicure e certificate, è questo lo scopo del progetto Parking Areas implementing Safety and Security FOR (4) CORE network corridors in ITALY (PASS4CORE)” presentato da un consorzio di attori nazionali di primo livello e approvato formalmente il 16 luglio. La Ue finanzierà il 20% degli interventi infrastrutturali per un totale di 5,5 milioni di euro a cui si aggiungono 21,5 milioni di euro stanziati dai protagonisti del progetto.

Capofila del consorzio è A4 Trading mentre tra i partner ci sono concessionarie autostradali (A4 Trading e CAV, Concessioni Autostradali Venete), Interporti (Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa di Verona, Interporto Padova, Cepim Interporto di Parma, Interporto Centro Italia Orte, Interporto Toscano Vespucci di Livorno), un aeroporto (SEA Società per Azioni Esercizi Aeroportuali), operatori privati (Cooperativa Porta Bagagli Padova srl, Costruzioni San Michele srl e GRIM srl). Partner istituzionale è invece il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti attraverso il Comitato Centrale dell’Albo Autotrasportatori e RAM Logistica Infrastrutture e Trasporti spa.

Il contesto di riferimento è rappresentato dallo sviluppo e dal miglioramento della rete di Parcheggi sicuri e protetti per mezzi pesanti lungo la rete stradale primaria in Italia. Al momento infatti, esistono solo 2 aree di parcheggio certificate in Italia, e l’iniziativa rappresenta quindi uno step di completamento essenziale e strategico a livello nazionale.

Più in particolare, l’insieme delle attività previste dall’Azione PASS4CORE contribuiranno a realizzare circa 1.350 parcheggi per mezzi pesanti (circa un quinto dei 7.000 previsti in Europa) in 13 punti nevralgici della logistica, riqualificando oltre 300.000 m2 di aree dedicate a questo scopo e per le quali verrà ottenuta la certificazione di “Safe and Secure Truck Park” secondo gli standard europei definiti da Esporg, la European Secure Parking Organisation. Le iniziative, inoltre, potranno beneficiare di uno sforzo congiunto guidato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che, oltre a coordinare lo sviluppo di tale rete, si occuperà di realizzare uno strumento di (app/portale) dedicato alla gestione complessiva dell’informazione relativa all’offerta di stalli di questo genere per gli autotrasportatori.

Grazie all’intervento cofinanziato dal Programma CEF Transport con 5,5 milioni di euro – afferma il Prof. Ennio Cascetta, Amministratore Unico di RAM Logistica, Infrastrutture e Trasporti Spa – si attiveranno oltre 27 milioni di euro di investimenti infrastrutturali a favore del settore dell’autotrasporto, con importanti riflessi sulle condizioni di lavoro  e ricadute positive in termini di maggior sicurezza di autisti e mezzi. RAM, in qualità di implementing body del MIT, metterà a disposizione le proprie competenze per fornire tutto il supporto necessario agli altri partner e garantire la buona riuscita del progetto”.

Il progetto, che ha già formalmente avuto inizio nella primavera 2020, è previsto si concluda nel 2023, quando l’insieme degli stalli promessi saranno realizzati ed operativi, anche se nel corso dei prossimi anni i singoli interventi saranno completati in maniera graduale.