Assorimorchiatori presenta il libro “Towline connected”

assorimorchiatori

Nella suggestiva cornice del Museo Centrale Montemartini, Assorimorchiatori, l’associazione che riunisce i concessionari del servizio di rimorchio portuale in Italia, ha presentato il libro “Towline connected” una raccolta di brevi saggi e di immagini provenienti dai porti di tutta Italia per raccontare, anche a chi non è del settore, cos’è il rimorchio portuale di oggi. Ha fatto gli onori di casa Luca Vitiello, Presidente dell’Assorimorchiatori, che si è alternato sul palco con alcuni accademici esperti della materia, e con i vertici delle istituzioni marittime rappresentate dal Comando Generale della Guardia Costiera e dal dott. Luigi Merlo, consigliere del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Brevi ma significativi interventi per dire che anche quando l’obiettivo di un servizio è la sicurezza nei porti italiani – resa per 365 gg l’anno h 24 – si può parlare di mercati aperti e concorrenza produttiva. Gare per il mercato, regole chiare, trasparenza, giusto rapporto tra prezzo e qualità: se si seguono questi punti cardinali la rotta che porta alla “concorrenza per la sicurezza” è tracciata. Poi spazio alle immagini, quelle del libro, suggestive, toccanti, alcune festose, altre drammatiche. Del resto i rimorchiatori sono sempre lì pronti a rendere onore alle maestose navi da crociera, pronti ad accompagnare in banchina una gigantesca porta container, ma soprattutto pronti ad intervenire per soccorrere una nave in avaria, contrastare un incendio o salvare dei naufraghi. E lo spruzzo d’acqua elegante, leggero, sinuoso, diventa un getto potente, preciso, instancabile che non teme le fiamme, ma le doma. Diverse sono le emozioni che ci hanno suscitato le foto del libro, perché diversi sono gli scenari in cui i rimorchiatori sono chiamati ad operare. E anche in questo sta la complessità del servizio di rimorchio. Coniugare tutto ciò, con l’efficienza, la competitività, l’operatività per 365 giorni l’anno h 24 in mercati dai delicati equilibri economico-finanziari, non è sempre facile.