Assomarinas chiede al nuovo governo di risolvere contenzioso canoni demaniali

assomarine

Venezia, 12 maggio 2018 -Assomarinas, l’associazione italiana dei porti turistici aderente a Federturismo-Confindustria ed Ucina-Confindustria Nautica,  chiede al nuovo governo di aiutare i porti turistici per la nautica da diporto a ritrovare la fiducia nel futuro risolvendo il problema del rispetto dei patti concessori.

Decine di porti turistici sono stati realizzati in Italia negli anni 90 e 2000, molti nel bel mezzo della crisi del comparto, sulla base di concessioni contratto che, a fronte di ingenti investimenti, prevedevano canoni prefissati ed indicizzati.

Nel 2006 un errore legislativo contenuto nella legge finanziaria 296/2006 ha creato sconcerto tra gli operatori ponendo in discussione tali accordi ed aprendo un contenzioso che, anche secondo ANCI e Coordinamento delle Regioni, va assolutamente risolto per salvare gli investimenti attuali e futuri. Il turismo nautico è una componente di pregio della nostra industria turistica nazionale che va difesa e non mortificata.