Al Galata Museo del Mare, la terza edizione degli incontri in Blu

Edizione speciale 62° Salone Nautico Internazionale

I personaggi blu sono donne e uomini fuori dell’ordinario legati al mare. Atleti che compiono grandi imprese, sportivi che prendono parte a importanti competizioni, imprenditori che si misurano con le onde e con il vento oltre che con il mercato, uomini di cultura che sul blu affinano il loro pensiero. Persone che credono e si battono per la salvaguardia dei mari. E gli “Incontri in blu” sono il palco sul quale si raccontano.

Da giovedì 22 a sabato 24 settembre al Galata Museo del Mare, al via la terza edizione della rassegna di conferenze denominata “Incontri in Blu. Uomini, donne e storie di mare”, speciale 62° Salone Nautico Internazionale. Tre giorni di incontri con personaggi eccezionali: giovedì 22 settembre sarà la volta di Luca Bassani Antivari, imprenditore visionario, fondatore di Wally Yachts; venerdì 23 settembre a salire sul palco del Galata Museo del Mare sarà Mauro Morandi l’eremita di Budelli mentre sabato 24 settembre Jean Le Cam, velista francese che ha compiuto il giro del mondo più volte, racconterà al pubblico le sue imprese straordinarie. Tutti gli appuntamenti della durata di circa un’ora sono condotti dal giornalista e scrittore Fabio Pozzo e si svolgeranno a partire dalle ore 19.00 al Galata Museo del Mare, ad ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti.

Giovedì 22 Settembre – Luca Bassani Antivari – Il visionario della nautica

Forte della sua passione per la vela, che ha coltivato sin da bambino, sui campi di regata e in crociera, nel 1989 costruisce Wallygator, uno sloop di 25 metri altamente innovativo, sia sotto il profilo dello stile sia della tecnica, che non passa inosservato e che induce Bassani a fondare cinque anni dopo Wally Yachts e a trasformare le sue visioni in impresa, con sede nel Principato di Monaco e cantieri in Italia e all’estero. Una lunga rotta, che prosegue con altre barche, con altre idee ed intuizioni, che dalla vela si estendono anche al motore, con il Wallytender e l’iconico Wallypower, un superyacht in carbonio ed acciaio che può raggiungere i 65 nodi di velocità, rivoluzionando per sempre il modo di andare per mare.

Venerdì 23 settembre – Mauro Morandi – L’eremita di Budelli

Insegnante di Educazione fisica, nel 1989 salpa dalla Calabria con un catamarano e due amici per fare rotta sulla Polinesia. Fa una tappa all’isola della Maddalena, con l’intento di guadagnare un po’ di soldi charterizzando la barca. Ma il suo viaggio rimane sulla carta: sbarca a Budelli, ne è conquistato e accetta il posto di guardiano nel frattempo liberatosi. Resterà sull’isola per 32 anni, resistendo ai passaggi di proprietà, ai progetti, agli inverni, alle intimazioni di sfratto da parte dell’Ente Parco della Maddalena. Una battaglia a difesa della sua vita di anarca e della celebre Spiaggia Rosa, che è stata seguita in tutto il mondo e che ha raccontato nel libro “La poltrona di ginepro” (Rizzoli)

Sabato 24 settembre – Jean Le Cam – Il navigatore degli Oceani

In Francia lo chiamano “le Roi Jean”, in onore della sua carriera velica leggendaria, che comincia da bambino in Bretagna e che prende forma su diversi tipi di imbarcazioni. E’ stato due volte campione del mondo in Formula 40, ha corso decine di regate transatlantiche, vincendo tre Solitaire du Figaro e ha lanciato otto volte la sfida al giro del mondo, dalla Whitbread alla Barcelona World Race in doppio al Vendée Globe in solitaria. L’Everest delle regate quest’ultimo, che ha corso cinque volte e che lo ha visto nel 2009 naufrago a capo Horn e poi soccorso da un avversario e nel 2020 salvare un altro partecipante naufragato, un gesto che gli è valso l’onorificenza della Legione d’onore.

“Incontri in blu Uomini, donne e storie di mare” è il nome della rassegna finalizzata a promuovere la cultura del mare nelle sue diverse forme, ideata e diretta dal giornalista e scrittore Fabio Pozzo, voluta dal Mu.MA Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni e realizzata grazie anche al contributo di numerosi sponsor e partner al Galata Museo del Mare di Genova.

Un ringraziamento particolare ai sostenitori della terza edizione della rassegna: Confindustria Nautica e Fincantieri Spa in qualità di main sponsor, Tarros Group e RINA sponsor; Hotel Astoria e Associazione Culturale Sintesi sponsor tecnici. La rassegna vanta il patrocinio di: Regione Liguria, Comune di Genova, Marina Militare Italiana, One Ocean Foundation, FIV – Federazione Italiana Vela, Yacht Club Italiano e il supporto del Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

Nelle due passate edizioni, nonostante la chiusura prolungata dei musei a causa della pandemia, sono saliti sul palco degli Incontri in Blu 14 personalità di rilievo nazionale e internazionale del mondo dello sport, dello shipping e della nautica tra cui Chris Bertish, sudafricano, velista e surfista di grandi onde che ha attraversato, primo uomo a farlo, l’Atlantico in SUP; Daniele Cassioli il più forte sciatore nautico paralimpico di tutti i tempi; Laura Dekker olandese-tedesco-neozelandese che, a soli 16 anni, ha portato a termine il giro del mondo a vela in solitaria; Leonardo Ferragamo, azionista dell’omonima maison di moda e presidente dei cantieri navali Nautor (Swan); Giancarlo Pedote, fiorentino emigrato in Bretagna, velista oceanico e navigatore solitario; Simone Perotti e Ambrogio Beccaria, scrittore marinaio e campione emergente vela oceanica; Paolo Bassignani, il guardiano del Faro Di Portofino, Alessia Zecchini una delle “donne più profonde al mondo” con -117 metri del record di immersione CWT in assetto costante con monopinna; Max Sirena, lo skipper e team director di Luna Rossa; Hugo Vau, il surfista portoghese che ha cavalcato “Big Mama”, un’onda alta circa 35 metri;  Santiago Lange, il velista che nel 2016 a 54 anni, dopo aver sconfitto un cancro che gli ha causato l’asportazione del polmone sinistro, ha vinto la medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro nella classe del Nacra17, i catamarani volanti; Cecilia Eckelmann Battistello, figura storica dello shipping internazionale e della portualità italiana, presidente di Contship Italia; Michael Bates, meglio conosciuto come Michael di Sealand, l’imprenditore che rivendica il titolo di principe di Sealand; Norberto Ferretti, co-fondatore ed ex presidente di Ferretti Group.