A venezia la “staffetta per Sammy”

sammy1

“Un giovedì  fantastico con persone eccezionali che mi hanno fatto scoprire via mare, le bellezze storico – artistiche di Venezia, una città splendida ed unica al mondo. Non potrò mai dimenticare questi momenti”. Sono le parole di un entusiasta Sammy Basso al  termine di una giornata trascorsa in laguna con gli operatori del porto. L’iniziativa “Una staffetta per Sammy” é stata infatti fortemente voluta da da Roberto Tonissi e dall’associazione “Amici del Porto e della Laguna” per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla Progeria o Sindrome di Hutchinson Gilford,  malattia che causa l’invecchiamento precoce,  di cui é affetto Sammy Basso. L’occasione per far comprendere le difficoltà delle famiglie che si trovano a lottare con la scoperta di un familiare affetto da una malattia genetica rarissima. La progeria, nel caso specifico, colpisce un bambino ogni 4-8 milioni di nati. In tutto il mondo ci sono circa 70 casi affetti da questa sindrome, di cui 5 in Italia. I sintomi, evidenti fin dai 18-24 mesi di vita, sono caratteristici dell’invecchiamento naturale, a partire dalla predisposizione a malattie del cuore. Sammy, é arrivato in mattinata dal suo comune di residenza Tezze sul Brenta (Vicenza)  presso la darsena Vizianello di Marghera  e poi trasbordato sull’ammiraglia della flotta degli Ormeggiatori del Porto di Venezia. Successivamente si é recato presso l’Isola di San Giorgio, dove grazie alla Compagnia della Vela, ha potuto vivere l’emozione di mettersi al timone di una barca a vela nel cuore della laguna.  A mezzogiorno, giunto in  Stazione Marittima,  dove Venezia Terminal Passeggeri ha allestito un gazebo per raccogliere fondi, é salito in plancia di comando della  nave da crociera Nieuw Amsterdam per scoprire i segreti di questa ammiraglia.  Dopo un tour alla scoperta delle isole minori veneziane, passando per il Canale della Giudecca, Sammy é tornato in Marittima,  salutato con giochi d’acqua e sirene dagli amici deiRimorchiatori e dai Piloti del Porto di Venezia, per una festa conclusiva e brindisi insieme a tutti gli operatori. Inoltre per l’occasione é stato  consegnato all’associazione A.I.Pro.Sa.B.onlus(Associazione Italiana Progeria Sammy Basso) il ricavato delle donazioni raccolte nel corso della giornata. Una iniziativa davvero indimenticabile per  Sammy che ha anche ricevuto dalle mani di Perry Schiavo,titolare di Itc Inter trav Italia, un messaggio da parte del Santo Padre Papa Francesco.  “Una staffetta per Sammy” ha riscontrato un grande seguito di pubblico anche sui canali social (Facebook e Twitter) dove sono state caricate in tempo reale le immagini e i video più interessanti della giornata.