A Mestre il convegno il traffico internazionale dei prodotti petroliferi

traffico

ASSOCOSTIERI: serve un approccio strutturale basato su tracciabilità e monitoraggio

Roma, 20 dicembre 2019 – Si è tenuto ieri a Mestre il convegno organizzato da Confcommercio Veneto sul traffico internazionale dei prodotti petroliferi. All’evento ha partecipato anche ASSOCOSTIERI, da sempre in prima linea su queste tematiche. Il Direttore Generale Soria ha avuto modo di ribadire la posizione dell’Associazione riguardo alle attività fraudolente sempre più frequenti nel settore alle locali Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e Guardia di Finanza.

ASSOCOSTIERI già nell’ambito del Tavolo permanente sull’illegalità, presieduto dall’allora Sottosegretario De Micheli, aveva fornito il proprio contributo per il contrasto ai fenomeni evasivi che aveva portato all’approvazione della Legge di bilancio per il 2017, il primo atto legislativo contente significative modifiche al tessuto preesistente, con il dichiarato intento di contrasto dell’illegalità nel settore dei carburanti per ripristinare le condizioni per un mercato trasparente e competitivo.

La posizione di ASSOCOSTIERI

L’Avv. Soria ha sottolineato l’importanza della tracciabilità dei flussi di prodotto a monte della filiera, con particolare attenzione all’individuazione delle porte di ingresso via mare e via terra. A tal fine, le due macroattività necessarie riguardano la verifica di requisiti, non solo qualitativi, ma soprattutto soggettivi degli operatori, ed il monitoraggio in tempo reale da parte di agenzie fiscali, organi di controllo, associazioni di categoria e Ministeri, quali il MiSE ed il MEF.

Per quanto riguarda la verifica dei requisiti soggettivi, il Direttore Generale ha citato, a titolo esemplificativo, la fedina penale, i modelli di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs n. 231/2001 ed il capitale sociale, evidenziando come possano costituire una base per l’analisi di rischio.

Relativamente al monitoraggio, invece, l’Associazione ha proposto l’istituzione di tavoli di confronto periodici tra istituzioni ed associazioni, al fine di condividere informazioni ed affrontare tempestivamente eventuali situazioni di rischio.

ASSOCOSTIERI ha, infine, sottolineato l’importanza di agire con un approccio di lungo periodo basato su tracciabilità, verifica dei flussi finanziari e analisi di rischio.

ASSOCOSTIERI, Associazione di categoria aderente a Confcommercio imprese per l’Italia, rappresenta, a livello nazionale, la logistica energetica indipendente composta da aziende a capitale privato che operano nel settore degli oli minerali, dei prodotti chimici, del GPL, del biodiesel, dei depositi di GNL small scale e da tutti i terminali di rigassificazione di GNL.