Prime regate domani a Bourgas in Bulgaria, 6 equipaggi italiani

bulgaria

È iniziato ufficialmente ieri con la cerimonia di apertura il Campionato Europeo della classe 470, a Bourgas in Bulgaria.

75 equipaggi sono arrivati qui per conquistare il titolo continentale, 30 femminili e 45 maschili, tra questi numerosi atleti che hanno partecipato alle Olimpiadi di Rio, campioni iridati ed europei. Tutti qui vogliono fare bene ed utilizzare l’evento come prova generale del Campionato del Mondo di Aarhus ad agosto, dove si assegneranno le prime qualifiche per Nazione.

Per gli italiani 6 equipaggi presenti, negli uomini abbiamo Matteo Capurro e Matteo Puppo (YC Italiano) e Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare), ma la vera novità per gli azzurri la troviamo tra i team femminili dove si è formato per l’occasione un nuovo equipaggio composto da Elena Berta e Bianca Caruso (GS Aeronautica Militare/YC Italiano), poi troviamo Benedetta Di Salle con Alessandra Dubbini (YC Italiano), Francesca Russo Cirillo con Alice Linussi (SV Barcola Grignano) e Maria Vittoria Marchesini con Cecilia Fedel (SV Barcola Grignano/CN Sirena).

In Bulgaria a seguire gli atleti anche i tecnici federali Gabrio Zandonà e Pietro Zucchetti.

“Stiamo facendo una stagione in cui il vero obiettivo è Aarhus – dichiara Zandonà da Bourgas – siamo in fase quindi di graduale avvicinamento al main event, però l’Europeo è una regata che vogliamo onorare, perché è la seconda più importante dell’anno. Vorremmo che i ragazzi performassero al massimo e cogliere la possibilità di imparare da queste regate atipiche in flotta unica. Abbiamo fatto un’ottima scelta a venire qui perché la regata è di alto livello, qui si ricrea situazione olimpica ma molto più difficile con regate in flotta unica di una quarantina di barche che daranno chiarissime informazioni sullo stato di forma degli equipaggi.”

Sono in programma 11 prove di qualificazione da domani alle 12.00 fino a giovedì 24 maggio, quando i migliori 10 delle due flotte si affronteranno nella Medal Race, cui seguirà la cerimonia di chiusura. Sul mar Nero ci si aspettano buone brezze con la termica che arriva anche sui 15 nodi.