“Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri”
GRANDE CONVERGENZA PER LA TAPPA DI BOLZANO

bolzano2

Roma – La tappa odierna, oltre a registrare notevole interesse e convergenza di intenti tra istituzioni governative, organizzazioni private delle imprese e principali operatori del mondo economico e finanziario, ha confermato il ruolo strategico nelle esportazioni italiane del territorio della Provincia di Bolzano.  Il Presidente della Provincia Autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, ha voluto portare i suoi saluti: “Le imprese altoatesine hanno raggiunto risultati degni di nota per quanto riguarda l’export. Queste aziende contribuiscono in modo determinante allo sviluppo positivo della nostra economia. Allo stesso tempo si dimostra che il sostegno della Provincia a favore dell’internazionalizzazione e il lavoro della IDM Alto Adige per la promozione dell’export sono efficaci.”  La centralità dell’incontro è stata confermata anche dalla presenza del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano che, in chiusura della parte seminariale, ha voluto così commentare la sua partecipazione: “Nel 2016 l’avanzo commerciale italiano è aumentato di 9,7 miliardi rispetto al 2015, raggiungendo 51,5 miliardi di euro, ossia il surplus più elevato del decennio 2007/2016. Questi dati forniscono la misura di quanto il commercio con l’estero sia fondamentale per la nostra economia e, di conseguenza, dell’importanza dei processi di internazionalizzazione delle nostre imprese. In tali processi, come ho avuto modo di dire sia nel corso del roadshow di Pescara del 19 aprile scorso che nelle varie tappe del percorso, “la Farnesina incontra le imprese”, il Ministero degli Esteri è in prima fila per offrire alle aziende italiane tutti gli strumenti di sostegno a disposizione della diplomazia economica.”La formulazione della giornata è stata poi principalmente riservata agli incontri tra imprese, esperti e consulenti, per realizzare una verifica immediata della situazione aziendale e proporre una strategia di internazionalizzazione mirata, riscuotendo notevoli consensi, proprio per l’approccio concreto offerto. A introdurre i lavori è stato Federico Giudiceandrea, Presidente Assoimprenditori Alto Adige che ha così commentato questa giornata: “Tra il 2009 e il 2016 le nostre esportazioni sono aumentate del 60 per cento! Se l’economia in Alto Adige è cresciuta anche durante la crisi è merito soprattutto delle aziende – in particolare quelle manifatturiere – che hanno saputo conquistare nuovi mercati all’estero ed è in gran parte merito loro se oggi in Alto Adige abbiamo una situazione di piena occupazione. Possiamo fare però ancora meglio e la collaborazione con partner come ICE-Agenzia, SACE e SIMEST è fondamentale in questo percorso.” La panoramica sullo scenario internazionale è stata offerta da Alessandra Lanza – Partner Prometeia, che ha messo in evidenza ulteriori aree di sviluppo: “Prospettive incoraggianti per le esportazioni della provincia autonoma di Bolzano. Le nostre previsioni sulla domanda dei mercati internazionali collocano nei prossimi due anni la Germania tra i principali motori della crescita delle importazioni mondiali (oltre 3,5% media annuo la variazione attesa nel periodo 2017-’20, inferiore certo a quasi il 5% degli Stati Uniti, ma ben al di sopra del recente passato). Verso questo mercato la provincia autonoma destina ancora oltre 1/3 del proprio export (1,5 su 4,4 miliardi nel 2016), una quota che arriva vicino al 40% se guardiamo solo l’export agroalimentare. Si tratta di un settore che ha scoperto relativamente tardi il canale dell’internazionalizzazione, un po’ per una maturità delle imprese che è arrivata dopo, un po’ per le tante barriere artificiali che ancora frenano il potenziale (protezionismo), ma che può trovare un buon viatico dal consolidamento della ripresa europea.”  Veronica Ferrucci – Vicario dell’Ufficio Internazionalizzazione delle Imprese del Ministero degli Affari Esteri e delle C.I. ha quindi guidato la moderazione dei contributi di MISE, ICE, SACE, SIMEST. Paolo Bulleri, Responsabile Segreteria Tecnica della Direzione Generale per le Politiche di Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi del Ministero dello Sviluppo Economico ha commentato: “Con il Piano Straordinario per il Made in Italy, il MiSE ha programmato e finanziato una strategia di medio periodo per l’accompagnamento delle imprese italiane verso i mercati esteri, con l’obiettivo di moltiplicare il numero delle nostre aziende, soprattutto piccole e medie, coinvolte in processi di internazionalizzazione. Il Roadshow resta occasione fondamentale per presentare il complesso degli strumenti della promotion pubblica direttamente alle imprese, ma anche per ascoltarne dal vivo esigenze ed aspettative, in modo da calibrare le iniziative promozionali e gli strumenti di supporto ai diversi cluster di imprese esportatrici messi in campo dal Governo.” Ha quindi preso la parola Francesco Alfonsi, Dirigente Ufficio Servizi alle Imprese – ICE-Agenzia, che ha fornito un sintetico bilancio dell’incontro: “Quella di Bolzano è stata la 49esima tappa del Roadshow per l’internazionalizzazione voluto dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale realizzata con la collaborazione di organizzazioni territoriali e di rappresentanza delle imprese italiane, ed ha visto Assoimprenditori Alto Adige nel ruolo di partner prioritario. Il Sud Tirolo è un ponte ideale tra le economie dell’intera Italia e del nord Europa: gioca quindi un ruolo straordinario ed è per questo motivo che il Roadshow per l’internazionalizzazione delle imprese si è svolto oggi a Bolzano.” SACE supporta le imprese nell’affrontare le problematiche di natura finanziaria e assicurativa connesse ai processi di internazionalizzazione, particolarmente onerose nel caso di contesti economici altamente rischiosi” ha dichiarato Alberto Turchetto, Responsabile Nord-Est SACE (Gruppo CDP).

Per ogni esigenza esiste una soluzione che può essere sviluppata insieme a SACE: dalle coperture dal rischio di mancato pagamento, agli strumenti che facilitano l’accesso al credito; dalla protezione dai rischi politici, particolarmente importante in questo periodo storico, alla monetizzazione dei crediti; dalle cauzioni richieste per partecipare a gare d’appalto o eseguire commesse in Italia o all’estero, ai servizi di advisory, che giocano un ruolo importante per orientare le aziende, soprattutto le PMI, in tutte le fasi del progetto internazionale. Un’offerta completa che, con la creazione insieme a SIMEST del Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, copre tutto il ciclo di vita delle aziende all’estero.”

SACE ha mobilitato, nel solo 2016, 342 milioni di euro a favore di oltre 500 aziende attive nella regione. Carlo De Simone, Responsabile Servizio Marketing territoriale di SIMEST ha quindi confermato: “SIMEST supporta le imprese lungo tutto il ciclo di crescita all’estero: grazie ai nostri finanziamenti agevolati, aprirsi ai mercati internazionali è facile e vantaggioso anche per le PMI e, una volta entrate in un Paese estero, le imprese possono rivolgersi a noi anche per ottenere il capitale che serve loro per consolidarsi.” SIMEST ha attualmente in portafoglio partecipazioni in 16 aziende del Trentino Alto Adige per un investimento complessivo di 9 milioni di euro. Nella sola provincia di Bolzano la SIMEST è impegnata per un totale di oltre 5 milioni di euro.                   Bettina Schmid, Direttrice di ripartizione Sales Support – IDM Alto Adige ha infine illustrato come l’azienda speciale da lei rappresentata, offra supporto sui mercati alle aziende altoatesine nei settori della promozione delle vendite, per la partecipazione alle fiere e, più in generale, per intraprendere con successo percorsi di internazionalizzazione. Dalle 11:00 alle 16:00, gli imprenditori hanno potuto avvalersi di incontri individuali con i rappresentanti delle organizzazioni pubbliche e private presenti, per approfondire le opportunità di internazionalizzazione ed elaborare una strategia di mercato personalizzata. Il Roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri” è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’ICE-Agenzia, a SACE e a SIMEST, l’evento si avvale della collaborazione di Confindustria, Unioncamere e di Rete Imprese Italia.